In questo articolo si parla di:

In occasione di questa decima edizione degli ORBDAYS 2024, nasce un nuovo legame tra Garmont e Artesulcammino. La sinergia tra queste due realtà ha dato vita a una proposta originale e senza eguali: un test prodotto all’insegna della scoperta del patrimonio storico-archeologico presente a Riva.

Artesulcammino si pone l’obiettivo di promuovere e approfondire la conoscenza dell’immensa ricchezza artistica presente nel nostro paese.  Unire arte e natura è la missione di questo progetto, che da quasi vent’anni promuove il potere maieutico del camminare.  Una testimonianza attiva e concreta delle interazione tra l’uomo e il territorio, un modo slow e rispettoso di vivere la natura.

A questi intenti, si allinea perfettamente la filosofia di Garmont, che da sempre radica i propri valori verso un approccio più “lento” nel vivere la montagna, volto alla scoperta consapevole e sostenibile del territorio. Il brand, che quest’anno festeggia 60 anni dalla sua fondazione, celebra questo traguardo con una Limited Edition di alcuni modelli iconici della sua collezione rivistati con un colore comune, il grigio ghiaccio e arancio scelto per omaggiare un altro grande risultato di Garmont: l’ambito “Compasso d’Oro” nel 2014 con lo scarpone da scialpinismo Masterlite. A Riva mette a disposizione due di questi modelli da poter testare durante la camminata e che verranno lasciati in omaggio ai partecipanti a fine escursione. Un test prodotto unico nel suo genere, che permetterà di vivere un’esperienza indimenticabile grazie al supporto di prodotti ad altissima performance tecnica.

I PRODOTTI in test

9.81 Engage – Limited Edition


La 9.81 Engage, introdotta nella SS24, si tinge dei colori iconici del Masterlite del brand veneto in questa limited edition, disponibile in 1.964 pezzi a sottolineare l’anno di fondazione di Garmont. Versatile, leggera e traspirante, questa scarpa è ideale per i viaggiatori dinamici e per chi ama il fast hiking. Un vero concentrato di tecnologia con le soluzioni ADD (Anatomical Directed Design) e l’innovativo sistema G-WRAP unito a una linguetta elastica in microfibra che donano alla calzata una migliore stabilità. La tomaia in poliestere altamente traspirante è rinforzata in strati di doppio materiale termoplastico. La soletta interna è la Garmont PU Foam con il 20% di materiale riciclato mentre l’intersuola è realizzata in EVA mono densità con inserto in TPU anti torsione. La suola Vibram Durmast, in esclusiva Garmont, è con mescola Megagrip che migliora in maniera significativa il grip della scarpa su diversi terreni. La parte centrale dell’avampiede e della parte posteriore prevede la tecnologia Vibram Traction Lug che migliora la trazione del 25%, aggiunge stabilità e migliora la performance del 50%.

9.81 Pulse – Limited Edition


Anche le 9.81 Pulse si tingono di argento e arancio, i colori simbolo della Anniversay collection di Garmont per celebrare i propri 60 anni. Caratterizzata da flessibilità, libertà di movimento ed elevata comodità nella calzata prevede imbottitura asimmetrica termoformata e il sistema di chiusura Fast Lace per una regolazione rapida ed una elevata capacità di adattamento alle forme del piede. La ghetta protettiva sul collo del piede, inoltre, ripara dalla possibile entrata di ghiaia e detriti durante l’escursione. La tomaia knitted in PET (polietilene tereftalato proveniente da un processo di riciclo) assicura elevata traspirabilità ed è rinforzata da pannelli laterali in tessuto termosaldato. Oltre alla tomaia, elementi di sostenibilità si trovano anche nell’intersuola Garmont Plume Foam, realizzata in EVA monodensità con l’aggiunta di un 20% di materiale naturale derivante dalla canna da zucchero; inoltre, la particolare costruzione a geometrie lamellari convesse trasmette un’elevata ammortizzazione durante la camminata.

IL PERCORSO 
A/R San Giacomo/ ciesa Torre – San Giovanni/San Giacomo (4,2 km) 
Servizio Navetta da Fiera Riva del Garda a San Giacomo, località San Giacomo.

Si inizia con un tratto di strada asfaltata senza sbocco (350 mt circa) sino a imbocco sentiero del Berghem (CAI 434) , che si trascura, proseguendo su sentiero che a mezza costa raggiunge la chiesa della Maddalena. Da qui si procede in salita su strada sterrata del vecchio Itinerario della “Strada della Pinza” (strada bianca con tratti cementizi) sino a giungere alla chiesa Torre di San
Giovanni e Belvedere.  Si rientra alla chiesa della Maddalena e si ripercorre la strada sino al punto di partenza.

  •  Dislivello positivo: 327 m
  • Dislivello negativo: 327 m
  •  Tipologia percorso: misto
  • Asfalto 800 m
  • Strada carrareccia con tratti cementizi: 1800 m
  • Sentiero: 1600 m

Connessioni storiche/monumentali più significative:

Chiesa torre di san Giovanni (resti): facente parte di complesso fortificato già dal VI secolo d.c. secondo scavi archeologici, ci consentirà di fornire sintetiche valutazioni sulla viabilità e gli insediamenti romani/medievali dell’area, alla luce delle ricerche più recenti e innovative. San Giovanni è stato ricavato in un torrione difensivo che sorge in un sito che è stato interpretato, per posizione e ricchezza di reperti, come una postazione militare di epoca gota. San Brizio è la chiesa di un eremo che potrebbe anche essere più antico del luogo di culto. L’intitolazione rimanda ad un santo di epoca carolingia, ma gli insediamenti eremitici sul lago si sviluppano, a partire dalla metà del VI secolo, in relazione con la presenza bizantina.

Chiesa della Maddalena: presente dal duecento, documentata ripetutamente, è interessante perché divenne sede di una comunità eremitica ed accolse tra gli altri, Giorgio Siculo intorno al 1547. Costui, eclettico personaggio formatosi nel monastero benedettino di San Nicola dell’Arena a Palermo, transitato nel prestigioso monastero del Polirone, giunse a Riva per partecipare alle
sessioni del Concilio di Trento, impegnate in un tentativo di convergenza tra le tesi luterane e quelle cattoliche. Le cose non andranno a buon fine, e Giorgio Siculo sarà condannato e morirà a Ferrara nel 1551.

Antica strada della Pinza: La viabilità antica tra Riva del Garda, La val di Ledro e altre Valli.

La partecipazione al trekking è prevista a numero chiuso (20 partecipanti). Maggiori informazioni verranno fornite nelle prossime settimane in tutti i nostri canali.

Per iscriverti all’attività, clicca a questo link!