In questo articolo si parla di:

Prodotta con materiale riciclato o di origine vegetale, è il cuore della nuova collezione per l’outdoor estivo del marchio del galletto

Al centro dell’attenzione ci sono le nuove SKPR 2.0 di Rossignol, ideali per camminare, anche veloci, alla scoperta della natura. E sono pensate per rispettarla, la natura. Sono infatti realizzate con materiali responsabili come rPET, che deriva da bottiglie in PET riciclate dopo l’utilizzo, e Freebio rPU, proveniente da scarti di fabbrica pre-consumo riciclati che vengono trattati e reinseriti in un nuovo prodotto per ridurre l’uso di materiali vergini.

Le SKPR 2.0 hanno raggiunto il 50,36% di input eco-responsabile grazie all’utilizzo di materiali di origini biologiche e/o riciclati negli accessori (lacci, tassello, filati per cuciture), nella fodera, nelle strutture (plantare, intersuola, suola) e nella tomaia.

In particolare l’intersuola è realizzata utilizzando una bioplastica a contenuto vegetale derivata dalla melassa, un sottoprodotto dell’industria della canna da zucchero (BIOEVA); la tomaia con una percentuale di poliestere derivato da bottiglie di plastica riciclata; il battistrada utilizza una mescola prodotta a partire dagli scarti di produzione di gomma.

Tutto il processo è stato studiato per ridurre il più possibile le emissioni di CO2 e l’impatto sull’ambiente, grazie alla stretta collaborazione con ABC (Anything Can Be Changed), marchio leader nella consulenza per la produzione eco-responsabile, che collabora con più di 70 aziende del mondo sportswear e fashion in tutto il mondo.

SKPR 2.0 unisce l’attenzione per l’ambiente con contenuti tecnologici importanti per affrontare in sicurezza e comfort un’escursione, a partire dalla tecnologia brevettata Sensor3, che riduce i punti di pressione a vantaggio di un fit comodo e della circolazione sanguigna nel piede. Il grip è garantito dal battistrada in gomma con tasselli multiangolo. Il differenziale (drop) tra il tallone e la punta è di 8 mm, un valore medio che garantisce il giusto supporto, anche dopo gite lunghe, mentre i fori laser nella tomaia sono pensati per favorire la ventilazione.