In questo articolo si parla di:

La Max Fly è la maschera da scialpinismo di Cimalp realizzata in collaborazione con Matteo Eydallin, campione del mondo e volto del brand francese.

La collaborazione

Insoddisfatto delle maschere presenti sul mercato alle quali toglieva gli inserti e la montatura in plastica con un cutter, Matteo Eydallin si è rivolto a Cimalp, marchio transalpino le cui origini risalgono al 1964 e con sede ancora nel massiccio del Vercors, nelle Prealpi francesi.
Le parole chiave che Matteo pronuncia al dipartimento di Ricerca & Sviluppo sono: comfort, leggerezza e circolazione dell’aria. Nasce, così, la maschera da scialpinismo per i campioni della disciplina e non solo.

La Max Fly è caratterizzata da un wide screen dal design semplice e lineare ed è dotata di un inserto interno in Double Foam che garantisce una maggiore aderenza al viso e impedisce la formazione di condensa. Questo modello è leggerissimo (solo 45g) ed è perfettamente compatibile con il casco grazie alla fascia regolabile con bande in silicone per il perfetto grip.

L’apporto di Matteo, volto di Cimalp dal 2019, con la sua vasta esperienza nelle sfide estreme in montagna, si è rivelato fondamentale nella realizzazione della maschera. Insieme al team ha posto le basi per una gamma di prodotti che non solo rispondono alle esigenze degli appassionati di outdoor, ma elevano anche l’intero standard di abbigliamento e attrezzature tecniche. Il loro obiettivo comune è quello di garantire che ogni appassionato possa vivere la montagna nel massimo comfort, sicurezza e tecnologia, trasformando ogni esperienza all’aria aperta in un momento indimenticabile.

Caratteristiche /

  • Peso: 45 g
  • Lente avvolgente per visione panoramica
  • Prese d’aria laterali + rivestimento anti-appannamento
  • Confortevole double foam layer + rivestimento in velluto
  • Cinturino regolabile
  • Schermo in policarbonato resistente agli urti
  • Schermo a specchio flash Cat 3 – UV40

“Essere coinvolto in questi progetti a me fa piacere perché tante volte, quando si è sponsorizzati da una marca o lavori per un brand, sei un numero oppure si viene considerato solo nel momento in cui fai un buon risultato. I collaboratori di Cimalp mi hanno sempre messo a mio agio, senza che ci fosse quello stacco fra azienda e atleta. C’è sempre stato un rapporto personale di amicizia.”
Matteo Eydallin