In questo articolo si parla di:

Davide Calcagnotto è il nuovo general manager di Olang a partire dal 1° febbraio 2024. Calcagnotto affiancherà il fondatore con l’obiettivo di delineare un piano di sviluppo strategico per i prossimi anni.

Tra tradizione e modernità

Olang S.p.A., fondata nel 1990 da Armando Sartor, con continua ricerca di nuovi materiali, evoluzione stilistica e costante rinnovamento, è una realtà consolidata nel mercato globale della
calzatura invernale e trekking/outdoor. Distribuito in più di 30 Paesi nel mondo, il marchio unisce l’antica tradizione calzaturiera italiana agli input dei mercati, per creare prodotti di successo e
anticipare i trend dei consumatori.

A partire dal 1° febbraio 2024, ad affiancare il fondatore, che manterrà la carica di presidente e amministratore delegato, ci sarà Davide Calcagnotto, che assumerà il ruolo di general manager, con l’obiettivo di delineare un piano di sviluppo strategico per i prossimi anni. Il giovane professionista, nei primi dieci anni di carriera, dopo un inizio in Northwave, ha salutato per
quattro anni lo sportsystem per un’esperienza nella multinazionale Nice Group, dove arriva alla direzione logistica. Ritorna però nel mondo delle calzature nel 2019, e contribuisce come coo al successo di Garmont International.

Armando Sartor

Il commento di Calcagnotto

“Ho accettato questa nuova sfida con entusiasmo, convinto del potenziale di Olang. Il prodotto è leader nella stagione invernale, ma sono sicuro ci potranno essere importanti possibilità di crescita
a livello di nuovi mercati, di gamma e di canali distributivi. Ringrazio la famiglia Sartor per la fiducia, e non vedo l’ora di lavorare con il team per raggiungere ambiziosi traguardi” ha commentato Calcagnotto.

Le parole di Armando Sartor

Il presidente Armando Sartor dichiara: “Nonostante la passione e la creatività siano gli stessi di sempre, l’età anagrafica imponeva delle decisioni. Inserire Davide in azienda per favorire il
passaggio generazionale, è stato il passaggio naturale. La famiglia rimarrà coinvolta in prima linea nella gestione con le mie figlie Micaela e Francesca e mio fratello Ferruccio, ma abbiamo scelto di
proiettare l’azienda verso il futuro affidando la leadership a giovani risorse. Continuità, evoluzione ed espansione saranno i cardini del progetto.”