In questo articolo si parla di:

Anche quest’anno va in scena la “Carica dei 101”, nostra inchiesta di mercato in tre puntate che ha come protagonisti i retailer. Questi ultimi sono l’anello fondamentale della filiera distributiva, e l’obiettivo della Carica è quello di raccogliere il loro punto di vista, ascoltarne le richieste e considerarne i bisogni. Insomma, dargli voce.

La Carica dei 101

Quindici domande. L’obiettivo è avere un quadro generale della situazione, fare un bilancio dell’annata appena conclusa e presentare le prospettive per quella in arrivo. Ma non solo: queste sono correlate a proposte, novità e problematiche riscontrate. Dopo un 2023 unico in positivo e negativo, è stato inevitabile porre qualche interrogativo sui cambiamenti che si sono dovuti affrontare.

Un’indagine a 360 gradi che, come ha sempre fatto Outdoor Magazine, pone il negoziante e le sue necessità al centro e che nel tempo è diventata ormai un marchio di fabbrica della redazione di MagNet, offrendo spunti di riflessione interessanti per tutti gli operatori del mercato outdoor.

Il sentimento dei negozianti

Un anno bianco e nero il 2023 dei retailer. Positivo perché i neofiti continuano ad appassionarsi e ad avvicinarsi alle discipline più disparate, e perché i clienti coccolati con iniziative, promozioni ed eventi ripagano sempre con fiducia ed entusiasmo il negoziante. Negativo perché il meteo non ha collaborato, così come – a detta di molti negozianti – alcune aziende, da parte delle quali non c’è stato supporto a livello di ordini né a livello di “competizione” soprattutto online. Gli appassionati rimangono, sempre alla ricerca del prodotto più tecnico, e non mancano i clienti che sono disposti a spendere un po’ di più per un prodotto sostenibile, ma il prezzo rimane ovviamente la variabile più importante.

Alcuni hanno dovuto affrontare problemi legati allo smaltimento del magazzino, mentre altri riscontrano ancora oggi difficoltà nell’effettuare la programmazione degli ordini per le prossime stagioni.
Tanti i brand rivelazione, come ogni anno, ma anche le iniziative e gli eventi promossi dai negozi stessi che hanno ripagato molto a livello di partecipazione della community. Partecipe anche l’affitto di materiale, spesso a discapito dell’acquisto di materiale nuovo.
Gli aumenti e i cali di fatturato si alternano, insieme a sentimenti positivi e negativi per l’anno che viene. Siamo più curiosi che mai di analizzare i risultati delle puntate che seguiranno.

Il bilancio del 2023

Al momento, il voto medio che l’anno ha portato a casa è 6,7. Una sufficienza un po’ larga, dovuta probabilmente al meteo deludente e ai problemi di smaltimento del magazzino, oltre al calo del potere d’acquisto della clientela lamentato da molti negozi.

“Il potere di acquisto delle famiglie italiane è troppo basso” riporta Stefano Vegher di Vegher Sport, Pellizzano (TN).

“Se i costi non inizieranno a diminuire e se non si attueranno aiuti concreti per i consumatori e per i commercianti, il futuro sarà tutt’altro che roseo” commenta Enrico Peirano di Peirano Sport, Manta (CN).

“C’è meno disponibilità economica da parte della clientela, che ha ridotto notevolmente il numero degli acquisti e lo scontrino medio.” Michele Pieri, 099 Outdoor, Grosseto.

Qualche nota positiva

A risollevare il morale però c’è la community outdoor che non si smentisce per la sua passione e il suo entusiasmo. Gli appassionati partecipano agli eventi organizzati dai negozianti e fanno sentire il loro supporto. Ma è fondamentale, al tempo stesso, il supporto dell’azienda, come sottolineato da Massimo Guidi di Living Sport: “Durante l’anno abbiamo organizzato in collaborazione con varie aziende che ci hanno creduto degli eventi/test prodotto che, se adeguatamente pubblicizzati, hanno funzionato. Senza supporto da parte dell’azienda, rimangono un bluff.”

Nuove tendenze

Alcuni trend sono emersi, notati dai negozianti attenti. Se gli scialpinisti languono un po’ di più rispetto agli scorsi anni, sono tornati in voga trekking e hiking e si continua ad assistere all’inarrestabile ascesa del climbing, sia indoor che outdoor.

Vuoi leggere tutte le risposte? La prima puntata è ora disponibile su Outdoor 01.

Se un negoziante e vuoi partecipare alla nostra inchiesta? Puoi farlo a questo link!