In questo articolo si parla di:

Prowinter chiude la sua ventiquattresima edizione con numeri importanti: più di 100 aziende con oltre 200 brand presenti e circa 3.500 partecipanti totali. Soddisfazione diffusa quindi tra gli organizzatori di Fiera Bolzano che confermano la crescita costante della manifestazione, anche con l’apertura verso nuovi mercati.

A confermare i sorrisi ci sono i numeri della prima edizione dei Prowinter Test Days powered by ITASnow e Prove Libere Retail by Pool Sci Italia che sono andati in scena nelle giornate di mercoledì 10 e giovedì 11 gennaio sulle piste di Carezza. Il primo test di stagione per negozianti e noleggiatori che hanno colto l’occasione per testare i prodotti della stagione 2024/2025.

Fieramesse,Messe Bozen ph: Marco-Parisi

Dichiarazioni

«È stata un’esperienza sicuramente interessante – ha dichiarato Davide Compagnoni di Level, azienda specializzata in guanti da sci – Per noi Prowinter è stato un appuntamento positivo e ci auguriamo possa crescere ancora di più nei prossimi anni. Cavalcando quest’onda di grande successo, ci auspichiamo che la fiera sia in grado di fare un vero e proprio salto, per far sì che i nostri negozianti possano trovare ancora maggiori motivazioni per esserci. La direzione da seguire è quella giusta e le nostre aspettative sono state rispettate».

A raccontare la propria esperienza anche Simone Manzio di CMP – F.lli Campagnolo: «La nostra previsione è stata ampiamente soddisfatta, abbiamo trovato una buona fetta di clienti che è venuta a farci visita, soprattutto nelle prime due giornate di fiera. Siamo contenti soprattutto perché contavamo di avere una numerica importante e siamo andati oltre. Davvero un ottimo risultato».

ph Ivan Goller

L’andamento dei noleggi

La fiera bolzanina rappresenta anche il momento in cui l’osservatorio Prowinter Lab tira il bilancio sullo stato di salute dei noleggi. I noleggi intervistati dalla squadra guidata da Alfredo Tradati e presentati a Prowinter nel pomeriggio di venerdì 12 gennaio sottolineano una situazione sana e in crescita.

Condotto su un campione di 106 intervistati, la ricerca ha dimostrato che a livello di fatturato, il 24% dei noleggi ha registrato un aumento nei propri introiti. Un dato interessante, soprattutto se confrontato con i numeri della scorsa stagione, registrando dieci punti percentuali di aumento. Altro dato incoraggiante è che il 56% dei noleggi conferma la previsione di chiudere l’inverno con lo stesso fatturato del 2023 e solo uno su cinque si aspetta un calo. Il bilancio positivo permette ai noleggi di investire in nuove attrezzatture come conferma il 93% degli intervistati che ha dichiarato di aver ammodernato il proprio parco prodotti.

Fieramesse,Messe Bozen, ph Marco-Parisi

Al centro del dibattito anche il tema degli skipass e l’aumento del prezzo d’acquisto: alla domanda quanto incidano i costi sull’arrivo degli sciatori, il 62% del campione non ha dato rilevanza, confermando con un solo punto percentuale quanto dichiarato lo scorso anno.

Ma la vera grande soddisfazione arriva dalle prenotazioni di Natale: il 25% degli intervistati, con un aumento di 13 punti percentuali rispetto al 2023, ha dichiarato che le prenotazioni sono state superiori. Il 65% ha confermato un dato nella media e solo il 10% ha registrato un calo.