In questo articolo si parla di:

Giorni di profonda tristezza per il Calzaturificio Zamberlan. L’azienda ha infatti annunciato, il 28 dicembre scorso, con grande dolore, la scomparsa di Emilio Zamberlan, spentosi la notte del 23 dicembre all’età di 80 anni.

Una figura storica

Emilio Zamberlan era una figura di spicco nel settore delle calzature da montagna. Aveva ereditato non solo la passione e i valori del padre Giuseppe, fondatore del Calzaturificio, ma ha anche proiettato l’azienda oltre i confini nazionali. L’ha infatti introdotta con successo in mercati come Giappone e Stati Uniti fin dalla fine degli anni ’70.
La sua lungimiranza, dedizione e visione hanno segnato un capitolo indelebile nella storia dell’azienda, lasciando un’impronta duratura che ha ispirato e guidato la terza generazione della famiglia. Quest’ultima è rappresentata con tenacia da Marco e Maria, già da anni alla guida del Calzaturificio.

Legami e passione

Il forte legame con il territorio e la passione di Emilio per la montagna sono stati espressi al meglio durante tutta la sua carriera. Nel 2007, l’apertura del nuovo punto vendita dedicato all’attrezzatura e all’abbigliamento da montagna, Zamberlan Mountainsport, ne è un esempio. Un altro risale al 2008, la nascita di AZAAssociazione Zamberlan Arrampicata. I suoi valori continueranno a fare parte del DNA aziendale, così come la sua eredità continuerà a essere il cuore pulsante dell’azienda e a ispirare e guidare ogni passo del Calzaturificio. La sua assenza sarà profondamente sentita, ma il suo contributo rimarrà per sempre un faro per il futuro dell’azienda.

Il team di Calzaturificio Zamberlan ha espresso il proprio dolore con un comunicato stampa. Si stringe intorno alla moglie Marinilde, ai figli Marco, Maria e Mara e a tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscere e lavorare con Emilio Zamberlan.

Anche la redazione di Outdoor Magazine e tutto il gruppo MagNet porgono le più affettuose e sincere condoglianze alla famiglia Zamberlan e a tutto lo staff dell’azienda, ricordando con affetto il sorriso, la gentilezza e l’energia di Emilio.