In questo articolo si parla di:

Karpos e Pierra Menta rinnovano la loro partnership fino al 2026. L’iconica gara di scialpinismo si disputa ogni anno tra le montagne di Arêches-Beaufort nella Savoia francese ed è arrivata alla sua trentottesima edizione. Un risultato di valore che unisce il brand alla famosa competizione, nota come “il Tour de France dello scialpinismo”.

Karpos x Pierra Menta

La gara ha permesso, negli ultimi anni, la consolidazione del valore e del posizionamento di Karpos nel mondo race della disciplina. Così si completa un quadro di lavoro ampio, iniziato con le collaborazioni in atto con la Nazionale Italiana e il Centro Sportivo Esercito.

“Il rinnovo della partnership con la Pierra Menta è la naturale continuazione di un percorso che ci sta regalando grandi soddisfazioni” commenta Giuseppe Lira, brand manager Karpos. “Da una parte per il clima e lo spirito della Pierra Menta, in linea con i principi che da sempre animano Karpos. Dall’altra, perché qui siamo di fronte a un monumento dello sport, dove si sfidano i campionissimi dello sci alpinismo. A fianco della Pierra Menta abbiamo l’opportunità di anticipare il futuro, di sperimentare e immaginare i capi da sci alpinismo più performanti. Questo anche, e soprattutto, grazie al nostro reparto Ricerca e Sviluppo: che cogliendo le sensazioni di atleti, appassionati e amatori lavora al continuo miglioramento dei capi, inseguendo principi di leggerezza, traspirabilità e protezione”.

Un approccio internazionale

La rinnovata partnership rappresenta il prosieguo di una sinergia che in questi anni si è consolidata e arricchita permettendo a Karpos di farsi conoscere nel mercato francese. E questo, sia agli amanti delle competizioni, sia a tutti coloro che preferiscono un approccio più esplorativo allo sci alpinismo.
È questo lo spirito che ha legato fin da subito la Pierra Menta e Karpos: un approccio internazionale, che guarda a un pubblico più ampio. Come dimostrato dalle “Étape de la Pierre”, dove amatori e appassionati hanno modo di mettersi alla prova e divertirsi sullo stesso percorso, sulle stesse linee dei grandi campioni. Lo stesso spirito, fatto di passione e divertimento, con cui è nato e si sta sviluppando il brand.

Per altri tre anni quindi, la Pierra Menta vestirà il verde Karpos. Come Main Sponsor dell’evento Karpos fornirà infatti l’abbigliamento tecnico per l’organizzazione e il suo staff, fondamentale per poter lavorare sul campo anche in caso di condizioni avverse. Oltre a questo, fornirà il pacco gara per la gara assoluta e per quella giovanile.

La Pierra Menta

Più di 600 partecipanti, quattro giorni, 10mila metri di dislivello. Sulle montagne di Arêches-Beaufort (Savoia, Francia), dove la gara va in scena ogni anno, sudore e fatica si mischiano alla gioia e al piacere degli sci alpinisti.
All’inizio era la scommessa di un gruppo di amici. Nasce così nel 1985 la Pierra Menta, definita dagli stessi ideatori come una “Dakar sulla neve”. Un’idea un po’ folle che nei mesi si concretizza in un percorso ormai divenuto iconico che tocca 15 vette tra i 2000 e i 2687 metri, con salite estenuanti e discese vertiginose. Nel marzo del 1986 è tutto pronto per la prima edizione a cui partecipano 15 squadre, tutte francesi. Da quel momento la storia della Pierra Menta si è arricchita di sfide, di aneddoti che in breve l’hanno trasformata in leggenda.


I numeri crescono rapidamente, tanto che nel 2006, a vent’anni dalla nascita, le squadre iscritte sono 175 e le persone che salgono in quota per godere dello spettacolo, oltre 4000.
Nel frattempo succede di tutto, nascono miti dello sci alpinismo e vengono celebrati gli eroi della Pierra, come Fabio Meraldi che avrebbe vinto la gara per ben dodici volte, Kilian Jornet e i ragazzi del Centro Sportivo Esercito, come Matteo Eydallin e Damiano Lenzi.