In questo articolo si parla di:

Con il rapporto Greenwash Danger Zone, Greenpeace ha esaminato 14 etichette di sostenibilità collegate a marchi tessili per confermare la loro produzione equa e sostenibili. 11 etichette non hanno superato il test; mentre l’etichetta Green Shape di Vaude ha ricevuto la migliore valutazione possibile.

Un pollice verde

Dalla tragedia della fabbrica tessile Rana Plaza, avvenuta dieci anni fa, molti marchi tessili hanno fatto grani dichiarazioni sulla loro produzione equa e sostenibile. Greenpeace si occupa di sincerarne la verità, e il “pollice verde in alto” rappresenta la migliore valutazione che l’ente assegna alle etichette di sostenibilità analizzate con il report Greenwash Danger Zone.

Su 14 etichette, ben 11 non hanno soddisfatto i criteri stabiliti. L’etichetta Green Shape di Vaude ha invece ricevuto il famoso “pollice verde”.

“Siamo molto orgogliosi di questa eccellente valutazione della nostra etichetta Green Shape” ha dichiarato Antje von Dewitz, ceo di Vaude. “Si basa sui più severi standard esterni, è altamente trasparente e viene costantemente perfezionata. Questa è una grande affermazione del nostro impegno olistico e profondo.

Antje von Dewitz

Green Shape ha ottenuto il massimo dei voti in quasi tutte le categorie. Il fattore decisivo è stato l’elevato impegno di Vaude nella catena di fornitura globale, che include il suo impegno per salari dignitosi, un elenco di fornitori trasparente, la prova dei materiali utilizzati e molto altro. il rapporto ha anche elogiato l’altissima percentuale di prodotti Green Shape rispetto alla produzione totale e il fatto che il marchio sia assegnato segno criteri di valutazione chiari e trasparenti. Vaude ha ricevuto un riconoscimento speciale per il suo impegno nell’uso a lungo termine del prodotto e nel concetto di circuito chiuso.

Etichetta Green Shape: completa, rigorosa e trasparente

Poiché non esisteva uno standard completo per i tessuti sostenibili, Vaude ha lanciato nel 2010 il rigoroso standard Green Shape per prodotti funzionali ed ecologici realizzati con materiali sostenibili e produzione equa.


I criteri comprendono l’intero ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione ai materiali utilizzati, i processi di fabbricazione dei materiali, i siti di produzione e l’uso e la cura del prodotto, nonché l’eventuale riciclaggio e/o smaltimento ecocompatibile.
Inoltre, Green Shape include un indice di riparazione che fissa sistematicamente la riparabilità nello sviluppo del prodotto sin dall’inizio. Dal luglio 2022, un consiglio consultivo esterno composto da sei esperti indipendenti e rinomati ha assicurato che i criteri siano ulteriormente sviluppati al massimo livello e soddisfino i requisiti più severi dell’industria tessile. Vaude è un pioniere in questo settore: pochi altri marchi hanno incorporato questi criteri rigorosi nel suo processo di sviluppo dei prodotti fino ad ora.