In questo articolo si parla di:

Il comitato organizzatore della Skymarathon Sentiero 4 luglio, “The first ever”, ha alzato il velo sull’edizione 2023, presentando ai media la super classica camuna in calendario la prima domenica di luglio. Il format è ormai il consolidato: alla spettacolare prova marathon da 42km (2700 md+) si affiancano la 21km (1500 m d+) ideale per neofiti e giovani skyrunner e la Minisky rivolta a bambini e ragazzi tra le vie del paese.

La presentazione

Per la presentazione della Skymarathon, nella suggestiva location bresciana di Relais Franciacorta, al tavolo dei relatori, oltre ai membri del comitato organizzatore erano presenti anche Lara Magoni (Sottosegretario con delega Sport e Giovani di Regione Lombardia), William Boffelli (atleta del Team Crazy), Mario Poletti (recordman della gara) e Luca Salini (ceo di Crazy, main sponsor tecnico dell’evento).

“Il motivo di questa conferenza per i media è sin troppo semplice. Vogliamo che la nostra gara emerga in un calendario sempre più fitto di appuntamenti perché lo merita” ha esordito il responsabile del comitato organizzatore camuno Tom Bernardi. “Siamo venuti in una location che è tra le eccellenze della nostra provincia per presentare una eccellenza delle nostre montagne. La Skymarathon Sentiero 4 Luglio è stata la prima di sempre: ha storia, tecnicità e livello organizzativo. I media di settore la conoscono sin troppo bene, noi però vorremmo sdoganarla e farla conoscere a un numero sempre maggiore di persone. Non a caso facciamo una comunicazione in due lingue.”

Un tracciato impegnativo

Entrando nei dettagli, Bernardi ha proseguito: “Per motivi logistici e per la tecnicità del percorso la nostra non è “gara per tutti”. Cinque km di cresta aerea sono solo per veri corridori del cielo. Per questo motivo i pettorali in palio saranno 400: 200 sulla prova regina da 42km e altrettanti sulla mezza, ideale anche per neofiti e giovani skyrunner.”

I motivi per esserci sono molteplici, uno su tutti il suo tracciato che, nel corso degli anni, è riuscito a stregare molti dei migliori interpreti mondiali della specialità sino a renderla una delle super classiche più amate, tecniche e spettacolari dell’arco alpino. Inoltre, anche quest’anno sarà confermata la Minisky rivolta a bambini e ragazzi tra le vie del paese.

Quando si parla di Skymarathon Sentiero 4 Luglio non si può non pensare ai suoi leggendari record. Quello maschile, griffato Mario Poletti e datato 2003 è sicuramente difficile, ma non impossibile. Nel 2018 un super Cristian Minoggio ha dimostrato “che si può fare”. Duro, durissimo è anche il personal best in rosa: un record stabilito da Emanuela Brizio nel 2005 (2h10’53”) e che per il momento non è caduto nonostante gli attacchi dell’ultima vincitrice di Skyrunner World Series Denisa Dragomir. Per buttare giù questi primati serviranno atleti di comprovato valore, ma ci stiamo muovendo per avere ai nastri di partenza alcuni dei migliori skyrunner in circolazione. “I nostri record sono mitici, ma è giunta l’ora di scriverne di nuovi” ha concluso Bernardi.

Maggiori informazioni e iscrizioni aperte a questo sito.