In questo articolo si parla di:

Si sono conclusi i due appuntamenti previsti per il 2023 di Accademia Outdoor Pro, iniziativa realizzata da IOG di Assosport e dalle aziende a esso affiliate con l’obiettivo di fornire ai retailer specializzati outdoor maggiori argomentazioni per la vendita dei propri prodotti e incrementare il valore delle loro insegne.

Accademia Outdoor Pro 2023

Lunedì 20 marzo è andato in scena il primo appuntamento dedicato ai negozianti del nord Italia presso l’Hotel Expo Verona di Villafranca Veronese (VR). Lunedì 27 marzo è stato invece il turno dei negozianti del centro sud a Terni, presso l’hotel Valentino.

“Il futuro sta nella formazione” ha dichiarato Günther Acherer, presidente del Gruppo IOG, in apertura della primissima tappa di Accademia Outdoor Pro. “Maggiori possibilità di confronto riusciremo a creare tra aziende e negozianti, maggiore sarà la possibilità di equilibrare l’andamento del mercato outdoor. Inoltre, se i punti vendita acquisiscono maggiori informazioni sui prodotti che vendono, è più facile che aumenti la loro fiducia e disponibilità nei confronti dei brand. È una piccola parte del sistema, ma una delle più importanti”.

Numerose i brand che hanno partecipato a questi due giorni di formazione tecnica e professionale: AKU, C.A.M.P. Ferrino, HDry, Hydro Flask, Kayland, Meindl, LOWA, Silva, Spektrum, Trezeta, Vaude, Vibram, Garmont, Climbing Technology, Rudy Project, Thermarest, Icebreaker e MSR. Tutte le aziende hanno espresso grande soddisfazione in quanto hanno avuto l’opportunità di incontrare più di 80 negozianti; anche i retailer si son detti entusiasti poiché in un’unica giornata è stato possibile confrontarsi con più aziende e hanno avuto una formazione diretta e ad hoc attraverso le clinic di prodotto. Nello specifico, la data di Terni è stata cruciale per andare incontro alle esigenze dei commercianti della zona appenninica e valorizzarne l’attività su un territorio meno battuto. Questo doppio appuntamento è infatti stato recepito in maniera molto positiva dal pubblico del centro sud.

“I prodotti devono essere raccontati” ha dichiarato un partecipante intervenuto durante un momento di interazione con i brand. è importante per noi conoscere la storia dei brand e le sue qualità. A volte è quello che fa la differenza con un cliente”.

Una lunga bella stagione

Entrambe le giornate si sono concluse con una tavola rotonda tanto attuale quanto interessante, intitolata “Le stagioni dell’outdoor. Le future politiche di offerta per aziende e destinazioni outdoor”. Durante l’incontro sono intervenuti Günther Acherer, AD di Panorama Diffusion e presidente di IOG; Vittorio Forato, marketing manager di AKU e vice presidente di IOG; Giorgio Rabajoli, direttore vendite Italia per Ferrino; Gianluca Farinazzo, head of sales Italy e export manager di Lowa;Ezio Marlier, presidente del collegio regionale Guide Alpine della Val d’Aosta; Marco Villotti e Daniele Confalonieri, maestri di sci della zona Andalo – Fai della Paganella.

Hanno moderato la tavola rotonda il nostro direttore Benedetto Sironi per la tappa al nord Italia e Luca Pedrotti, membro di IOG, per la tappa al centro sud. Durante l’incontro si è discusso dei cambiamenti climatici, oramai sotto gli occhi di tutti, e soprattutto della loro ripercussione sia sulle collezioni che verranno proposte in futuro dalle aziende, sia sull’offerta turistica che le località di montagna stanno già iniziando a ripensare. “Ci vuole una comunicazione più etica della montagna” ha commentato Ezio Marlier. “Il problema del cambiamento climatico non può essere risolto solo con la risonanza mediatica; ci vogliono azioni concrete”. Un tema molto attuale e di impatto anche sulle vendite dei negozi outdoor. “Se cambiano le temperature, cambiano le attività da svolgere outdoor e la loro dinamicità” ha dichiarato Vittorio Forato durante il suo intervento. “La prospettiva futura è quella di studiare e realizzare dei prodotti performanti pensati per nuove temperature di cui adesso non abbiamo ancora certezza”.

“Il rapporto con i negozianti è fondamentale: alcuni dei nostri prodotti sono stati concepiti e progettati proprio a partire dal confronto diretto con chi tratta e vende i nostri prodotti” Team Vibram