In questo articolo si parla di:

Torna l’Orobie Film Festival: la 17° edizione si terrà dal 23 al 29 gennaio al cinema Gavazzeni di Seriate e nella Sala Galmozzi di Bergamo.

L’Orobie Film Festival

La 17° edizione dell’Orobie Film Festival al via questa settimana, con cinque serate al Cinema Gavazzeni di Seriate (BG) e tre pomeriggi alla Sala Galmozzi di Bergamo. L’ingresso alle serate è gratuito.
Il pubblico potrà così godere dei migliori film della cinematografia di montagna. Il Festival è organizzato da Associazione Montagna Italia con il sostegno di Fondazione Asm, Fondazione Cariplo e della provincia di Bergamo. Inoltre, collaborano il Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del Lago di Como, Fiumi Brembo e Serio e Sport Specialist.

La conferenza

L’iniziativa è stata presentata venerdì 20 gennaio alle ore 11.30 presso la Provincia di Bergamo. In presenza vi erano il Presidente del Festival Roberto Gualdi, il Delegato all’ambiente Provincia di Bergamo Gianfranco Masper, l’Assessore alla Cultura del Comune di Seriate Antonella Gotti e il Presidente Bim Bergamo Carlo Personeni. Oltre a loro, hanno presenziato la Prorettrice per la Terza Missione e rapporti con il territorio Università degli studi di Bergamo Prof. Elisabetta Bani, il consigliere ERSAF Giuseppe . Infine, per il progetto Adotta una mucca, era presente il Responsabile Scientifico Ecomuseo della Valvestino Dottore Agronomo Maria Elena Massarini.

Il Festival fa parte del circuito Spirit of the mountain. Si tratta di un network di eventi dedicati alla montagna, al suo territorio e al suo ambiente. Promuove due concorsi, uno cinematografico e uno fotografico, ai quali possono iscriversi registi indipendenti, case di produzione, professionisti e amatori con opere che raccontano la montagna. Qui tutte le informazioni.

Le opere

Saranno 19 le opere in concorso, scelte tra le 103 giunte da 23 nazioni del mondo. La Giuria cinematografica è presieduta da Piero Carlesi con Nicola Bionda e Giuseppe Spagnulo. Tre invece i film fuori concorso.

Naked Mountain
Oltre un secolo fa, nel 1895, Alfred Mummery tentò di scalare il Nanga Parbat. La prima salita fu fatta da Hermann Buhl nel 1953. Alex Txikon, insieme ad Ali Sadpara e Simone Moro, è riuscito a raggiungere la cima del Nanga Parbat nel 2016, in inverno, segnando una pietra miliare nella storia dell’alpinismo.

77 giorni
Racconta la vera storia di Yang Liusong, determinato a diventare il primo uomo ad attraversare orizzontalmente la regione disabitata di Qiang Tang, nel Nord del Tibet, da solo, su una bicicletta senza alcuna assistenza. Quando vari ostacoli e disavventure portano a minare la sua determinazione, incontra una tenace e coraggiosa donna, Lan Tian, ex fotografa costretta su una sedia a rotelle a causa di un incidente durante un servizio fotografico sul Monte Kailash (Tibet).

The wall of shadow
Quando una famiglia di Sherpa viene avvicinata da un gruppo di scalatori, per accompagnarli in un trekking fino alla parete est del Kumbhakarna in Nepal, mai conquistata, si trova di fronte a un dilemma. La vetta, considerata più impegnativa del Monte Everest, nella religione locale del Kirant è considerata una montagna sacra che non deve essere scalata.

Sono 22 gli scatti scelti per il Concorso Fotografico – Premio Provincia di Bergamo che verranno proiettati all’inizio di ogni appuntamento del Festival e che sanno riproposti negli altri eventi del Circuito Spirit of the mountain 2023.

La Giuria fotografica è costituita da Marco Caccia con Alice Acquaroli, Claudia Carrara, Mauro Gritti e Piero Gritti.
Ogni sera della kermesse il pubblico potrà votare la propria fotografia preferita. In serata finale sarà consegnato il Premio della Giuria Popolare.

Un premio letterario inedito

Oltre all’Orobie Film Festival, è da menzionare il lancio del premio letterario “Walter Bonatti – Racconti di montagna” nel 2024.  L’Associazione Montagna Italia ha infatti indetto la Prima Edizione 2024 del concorso.
Lo scopo è di sostenere la cultura delle terre alte attraverso l’incentivazione della produzione di opere letterarie, la valorizzazione e la diffusione della scrittura creativa. Un ruolo importante è dato anche alla riflessione sul valore sociale e culturale della scrittura come luogo di approfondimento delle vicende individuali e collettive.

Regolamento e scheda di partecipazione sul sito.