In questo articolo si parla di:

È l’alba di una nuova partnership, quella appena nata tra Kilian Jornet e Coros, brand statunitense di sportwatch. Il primo approccio tra lo scialpinista, ultramaratoneta e skyrunner spagnolo e l’azienda, è avvenuto su Instagram: il sodalizio è infatti nato da un direct message e un conseguente incontro (in Norvegia, dove Kilian vive con la famiglia) qualche settimana più tardi. Lewis Wu, co-fondatore di Coros, ha infatti raggiunto Jornet per un’uscita di skialp. 

Wu crede fortemente che lo sport abbia il grande potere di connettere le persone, dunque quando coinvolge un atleta in una collaborazione ritiene sia importante condividerne la passione. E così ha raccontato come con tutti i “suoi” atleti sia andato a “fare sport”.
Con il climber Tommy [Caldwell] sono andato a scalare. Con molti dei nostri atleti che corrono vedo a correre, e nel mentre parliamo e ci scambiamo idee. Questa è una delle grandi cose della nostra community”, queste le parole di Lewis Wu.

È stata quindi un’uscita di scialpinismo, tra le montagne di casa di Kilian – e più precisamente sul suo percorso di allenamento – a concretizzare la partnership.

Lewis Wu e Kilian Jornet

“Qual è il tuo preferito?”, questa è stata la domanda dalla quale è nata la discussione circa gli orologi della linea Coros che Lewis aveva inviato all’atleta in precedenza per farglieli testare.

“Kilian ha risposto di getto, APEX Pro! Per il suo peso, le dimensioni e l’inclusione di tutte le caratteristiche di cui ha bisogno per vivere la sua passione per la montagna. Ne sono stato felice perché progettiamo orologi per questo pubblico. Il fatto che il miglior atleta di montagna del mondo abbia scelto l’APEX Pro significa che la nostra filosofia orientata a tale scopo sta funzionando, racconta Lewis Wu.

Un percorso di 1.000 metri di dislivello ha fatto così da sfondo a uno scambio di idee che risulterà poi essere la scintilla di questo sodalizio. I due infatti hanno parlato del metodo di allenamento di Kilian, confrontando i dati e la formula del ritmo adattato: “A quel tempo, stavamo lavorando sull’andatura modificata di Coros e abbiamo avuto l’opportunità di confrontare i calcoli di Kilian con il nostro algoritmo sull’andatura modificata”, continua Lewis.

Kilian non si è fermato a questo, e ha condiviso ulteriori formule e idee estremamente valide per il futuro sviluppo del brand. L’opportunità per Kilian di essere direttamente coinvolto con il feedback sulle funzionalità e il suo desiderio di aiutare a plasmare la direzione del marchio era un segnale che, non sarebbe stato solo un grande atleta di Coros, ma una parte importante dell’azienda e del programma di innovazione.

“Sono entusiasta degli obiettivi futuri di Kilian e che Coros faccia parte di qualcosa che ispiri tutti a fare cose straordinarie. La scelta di Kilian di lavorare con Coros e la visibilità che ne deriverà è importante, ma la collaborazione più profonda, che va oltre la tradizionale partnership atleta-marchio, è ciò che rende questo rapporto così unico ed emozionante, conclude Lewis Wu.

Ph. © Coros
Fonte: Coros