In questo articolo si parla di:

L’abbigliamento da montagna nasce dalla necessità dei primi alpinisti dell’800 di affrontare le montagne senza congelare. Non esistevano tessuti tecnici o soluzioni specifiche, si trattava di abbigliamento di tutti i giorni adattato per affrontare le alpi. L’innovazione e i nuovi materiali permettono di fare dei passi avanti e di proporre capi tecnici per la montagna. Negli Anni ’90 gli atleti richiedono capi leggeri, elastici, confortevoli ed estremamente specializzati per un’attività precisa.

Tre ere dell’abbigliamento da montagna secondo Crazy:

PRIMA ERA: l’abbigliamento storico
Maglioni di lana, calze pesanti e pantaloni alla zuava. I limiti dell’abbigliamento di questo tipo sono enormi ed evidenti. Per questo nella seconda metà nel ‘900 alcune aziende iniziano a utilizzare i primi tessuti tecnici, impermeabili o traspiranti, per confezionare prodotti pensati apposta per la montagna.

SECONDA ERA: l’abbigliamento da montagna tradizionale
Ci ha accompagnato fino a oggi ed è tuttora il tipo di abbigliamento più diffuso, che caratterizza la quasi totalità dei brand del settore outdoor. Nessun limite per questi prodotti se non quando nei primi Anni ’90 sono nate le competizioni in montagna: lo scialpinismo d’inverno e lo sky running d’estate. I primi atleti capiscono immediatamente che le loro esigenze sono molto diverse da quelle dell’escursionista appassionato, ma anche dell’alpinista tecnico.

TERZA ERA
Le loro necessità erano chiare e Crazy già primi Anni ‘90 cerca di soddisfarle inventando la prima tutina da gara da sci alpinismo e il primo completo da sky running. Le esigenze di una stretta  cerchia di atleti diventano il driver per evolvere e migliorare l’abbigliamento tradizionale che si trovava sul mercato e utilizzato per andare in montagna ogni giorno. ̀L’elasticità e il comfort dei capi diventa prioritario, l’uso di tessuti morbidi e confortevoli anche, per creare capi leggeri ed essenziali. Ogni prodotto si specializza per un’attività specifica, togliendo il superfluo. Anche il look è in rottura con l’abbigliamento tradizionale. Il grigio e il nero lasciano spazio a colori e fantasie sgargianti, ispirate al mondo fashion.

LA “FAMIGLIA” ACCELERATION
Un nome per ogni “famiglia” di prodotti. Al suo interno il brand inserisce i capi destinati a uno stesso uso, ideati e realizzati seguendo gli stessi concetti e tecnologie. L’obiettivo è quello di offrire all’utilizzatore una lettura più chiara della direzione sempre più netta che sta prendendo la collezione Fast & Light.

PULL ACCELERATION
Rinnovarsi senza allontanarci dalle tradizioni. Seguendo questa linea, Crazy rinomina uno dei capi storici, la Pull Cervino.

  • tessuto Vuelta italiano: caldo, bielastico, traspirante con un leggero trattamento water repellent
  • fleece High Performance 3 D a celle alveolari sulla schiena, la zona a contatto con lo zaino, per una maggiore traspirabilità
  • trattamento in Graphene per il tessuto all’interno. Questo conferisce qualità di termoregolazione, antiusura, antistatiche e batteriostatiche
  • fit atletico con due ampie tasche sul petto con zip, una tasca porta pelli interna e una esterna
  • taschina per l’ARTVA che definisce chiaramente l’utilizzo di questo completo

PANT ACCELERATION
Il pantalone per eccellenza da sci alpinismo Cervino Fast & Light è stato rinominato per rendere omogenea e intuitiva la famiglia di prodotti per lo skitouring di alta gamma. Rinominato ma anche rinnovato nel tessuto.

  • Il tessuto Vuelta made in Italy è stato scelto per regalare comfort, alta traspirabilità e termoregolazione
  • vestibilità atletica
  • dettagli tecnici come le ghette elastiche impermeabili che si adattano agli scarponi più venduti
  • leggera membrana anti vento sulle ginocchia
  • cuciture piatte in contrasto di colore
  • inserti riflettenti

 

Intervista alla fondatrice di Crazy, Valeria Colturi

Quali sono i principali punti di forza di questo completo?

Rinnovarsi mantenendo la “barra dritta” sul focus dei prodotti. Seguendo questa linea abbiamo “rinominato” uno dei nostri completi storici, il completo Cervino. Cambiare il nome non significa cambiare pelle, ma semplicemente offrire all’utilizzatore una lettura più chiara.

A che tipo di utente è destinato e per quale utilizzo?

Il nostro è un target consapevole, dinamico e molto esigente. Ma soprattutto è un utente Fast & Light.

Qual è la tecnologia principale?

Protagonista è il tessuto Vuelta made in Italy, scelto per regalare comfort, alta traspirabilità e termoregolazione. La pull ha la caratteristica di essere ibrida, grazie alla parte davanti in Vuelta, il retro in HP 3 a camere alveolari e l’interno trattato in Graphene.

Al centro, Valeria Colturi

Crazy – 0342.706371 – welcome@crazy.it