In questo articolo si parla di:

Il cambiamento rompe gli equilibri. O così succede nella maggior parte dei casi. A volte invece cambiare significa ritrovare proprio l’equilibrio, unire dei tasselli, interpretare e dare un senso a qualcosa che fino a quel momento veniva dato per scontato. Questa è la storia di C.A.M.P. che dopo 130 anni di storia sceglie di fermarsi, ripensare alla propria realtà e “ridisegnare” il proprio logo, unico e distintivo. Ne abbiamo parlato con il presidente Eddy Codega.

Qual è il momento preciso in cui vi siete detti “dobbiamo ripensare all’immagine della nostra azienda”? Cos’ha scaturito questa esigenza? C’è stato un evento specifico?

È stata una scelta maturata nel tempo, spinta dal mercato e dall’evoluzione che la nostra azienda ha vissuto nel corso degli ultimi anni. Sentivamo l’esigenza di fare chiarezza sulla nostra immagine, di presentarci sul mercato con un’identità unica, univoca e distintiva. Questo era il nostro obiettivo. Sentiamo di averlo pienamente raggiunto e questo ci proietta con nuova energia nel futuro.

Quanto ha inciso la pandemia su questa scelta?

La pandemia non ha inciso per nulla sulla nostra decisione poiché il progetto di rebranding è iniziato molto tempo prima. Un progetto che ha radici profonde e che ha avuto un lungo periodo di maturazione: C.A.M.P. è un’azienda con oltre 130 anni di storia, valori consolidati, una presenza globale e in continuo sviluppo. Ci siamo presi il tempo necessario per raggiungere la meta prefissata.

C’era qualche aspetto del logo precedente che non riusciva a rappresentarvi in toto? Cosa invece volevate assolutamente riportare anche in quello nuovo?

Venivamo da una situazione in cui ci presentavamo sul mercato con tre marchi diversi (C.A.M.P. e Cassin sul mercato dell’outdoor e Camp Safety sul mercato della sicurezza) e questo ha portato nel tempo ad avere poca chiarezza e, in qualche caso, anche un tratto di ambiguità che non ci rappresentava per nulla. Ci siamo allora fatti tante domande, persino scomode, e le risposte hanno portato alla scelta di focalizzarci su un unico brand, un unico logo che ci rappresentasse pienamente. Nulla è stato lasciato al caso e tutto ha una spiegazione dentro la nostra nuova immagine.

Cambiare significa guardare avanti, ma guardando avanti a volte si perdono di vista le origini. Avete mai temuto di “perdere un’identità” cambiando il vostro marchio storico?

In realtà l’abbiamo valorizzata, abbiamo riaffermato l’importanza e il valore della nostra storia, del nostro territorio, delle persone che ci hanno lavorato in 130 anni di storia. È stata l’occasione di marcare in modo indelebile chi siamo, da dove veniamo e dove vogliamo andare.

Cos’è per C.A.M.P. l’evoluzione? Come fate vostro questo concetto e come si traduce nell’operato quotidiano?

Abbiamo scelto il termine “evolutionary” come nuovo pay-off perché bene rappresenta la nostra storia, il nostro modo di guardare alle cose e dice tanto di come sarà il nostro futuro. Questo nel quotidiano si traduce nel ricercare nuovi prodotti o nuove soluzioni tecniche per fare progredire le attività, renderle più sicure, più efficienti. Significa integrare i cambiamenti del mercato, non rimanendo statici, ma seguendo un approccio di adattamento. Significa intuire le nuove opportunità che ti permettono, per l’appunto, di evolvere, di crescere e di presentarti al mercato con sempre qualcosa di nuovo.

Cos’è cambiato e cos’è rimasto invariato in C.A.M.P. dal 1889 a oggi?

Tutto è ovviamente cambiato dal 1889 e più volte, ma ci sono effettivamente due elementi che sono rimasti invariati nel tempo: Premana, il paese di montagna in cui siamo nati e operiamo e la famiglia Codega che da sempre guida l’azienda. Valori spesso bistrattati come la continuità, la perseveranza, la stabilità sono spesso fattori determinanti per garantire l’equilibrio nel cambiamento. Durante il lockdown della primavera del 2020, in un momento di estrema incertezza, abbiamo ripensato a quante ne ha vissute la nostra azienda: ha superato due guerre mondiali, crisi economiche e finanziarie globali, ricostruzioni e cambiamenti di ogni genere. Spesso guardare alle cose sotto angolature diverse aiuta a dare il giusto senso ai problemi e ai pericoli.

Eddy Codega

Come vedi C.A.M.P tra 10 anni? La visione del suo posizionamento nel futuro vi ha guidati nell’ideazione del nuovo brand? In che modo?

Certamente abbiamo la convinzione che il progetto di rebranding durerà nel tempo perché costruito su fondamenta solide. Un orizzonte di dieci anni appare oggi molto lungo ma quello che vedo è un’azienda che avrà proseguito a investire sulle proprie competenze in ambito produttivo, tecnologico, innovativo, distributivo e di servizi; avrà abbracciato le nuove sfide e i cambiamenti che già oggi stanno emergendo sempre più chiaramente. Manterrà una spiccata presenza internazionale anche se i venti protezionistici, che già oggi soffiano, sono destinati a modificare in maniera strutturale la geografia e gli equilibri tra i continenti. Inserirà nuove professionalità, in risposta a quello spirito evolutivo e di cambiamento che fa parte del nostro dna. Il posizionamento diventerà una conseguenza naturale del nostro agire. Nel nuovo brand C.A.M.P. si percepiscono molto bene due aspetti importanti dell’azienda: il territorio e la famiglia.

Che tipo di legame vi lega a entrambi?

Il legame con il nostro territorio è profondo e va oltre le logiche economiche. Il nuovo logo incarna in maniera indissolubile il nostro paese, la sua gente, la cultura e i valori che hanno marcato la nostra storia. Così vale per la famiglia che rappresenta la prima palestra di relazioni e che rimane ambito fondamentale per quella visione di lungo periodo che è necessaria, oggi più che mai, per lo sviluppo aziendale.

Outdoor e Work, perché un solo marchio seppur un target differente?

Perché C.A.M.P. è una. Il nostro know-how, le nostre conoscenze, l’approccio all’innovazione, a nuovi prodotti e soluzioni per migliorare le attività sono tutti asset e caratteristiche valide per entrambi i mercati e per tutti i target. Abbiamo già sperimentato che questa “contaminazione” porta con sé aspetti molto positivi e che avranno effetto “moltiplicatore” nel tempo. Le ragioni e il contesto per continuare a presentarci con due marchi è cambiato nel tempo e oggi sono molto più numerosi i vantaggi nel presentarci con un’unica immagine, pur riconoscendo le specificità dei diversi target.

E per quanto riguarda il brand storico Cassin? Come è stato inserito/ inglobato nel nuovo marchio?

Il mercato dell’outdoor va in una direzione di concentrazione, già oggi i marchi che hanno una reale diffusione globale sono molto pochi. Come conseguenza la scelta di focalizzarci – un approccio che ci ha visto in controtendenza negli ultimi dieci anni rispetto alla maggior parte dei nostri concorrenti – ci è parsa la strada più corretta e coerente. Questo percorso passa anche per difficili scelte come quella legata al marchio Cassin la cui storia, tecnicità e memoria rimangono dentro il percorso aziendale che ci ha condotto fino a qui.

Da quando vedremo il nuovo brand sui prodotti?

Il nuovo logo sarà presente sulle produzioni lanciate per la primavera/ estate 2022. Alcuni prodotti inizieranno però a essere immessi sul mercato anche prima alla luce del positivo andamento delle vendite. Ci sarà ovviamente un periodo di transizione che prevede il progres-sivo inserimento dei prodotti a marchio nuovo mano a mano che si esauriranno quelli con il vecchio. Questo porterà ad una temporanea convivenza dei due brand ma siamo confidenti che l’attuale dinamica di mercato permetterà di gestire tutta questa fase in maniera corretta.

Premana

Qual è stata e quale sarà la vostra strategia di lancio del rebranding a livello di comunicazione b2b e b2c?

La nostra prima attenzione è stata ovviamente rivolta alla rete distributiva. A tal proposito abbiamo sviluppato quattro prodotti che, a differenti livelli, spiegano nel dettaglio il progetto di rebranding: una classica presentazione commerciale, il manuale di marca, il “C.A.M.P. Corporate Identity” e un video dedicato. Questi strumenti ci hanno permesso di veicolare i contenuti del progetto, di farne conoscere le fondamenta, partendo dalle motivazioni, dal metodo, dagli obiettivi, per arrivare al manifesto aziendale, alla definizione dei valori e conseguentemente alla creazione del nuovo logo, e del suo significato. Ora siamo concentrati sulla parte legata al consumatore ma il messaggio di fondo rimane lo stesso e lo veicoleremo tramite i canali di comunicazione fisici e digitali sui quali già operiamo.

Il cambio è stato recepito in modo differente dal mercato italiano rispetto a quelli esteri? Ci sono commenti/feedback che vi hanno colpito?

Non abbiamo percepito particolari differenze tra mercati: i ritorni sono stati positivi. Tanti clienti, soprattutto quelli che ci conoscono meglio sono stati davvero colpiti dalla portata del progetto. Coloro che gestiscono strutture più complesse rimangono stupiti anche dal metodo che abbiamo applicato, quello della “estrazione del valore” che prevedeva la generazione di parole chiave con l’obiettivo di essere riproposte concettualmente e visivamente tramite il logo. Chi è rimasto in superficie esprime un giudizio più estetico, di gusto personale, ma anche in questo caso i commenti sono positivi. Non abbiamo colto delle distinzioni geografiche: i feedback, anche al termine del periodo di presentazione ai clienti, sono stati positivi da tutti i continenti. La vera forza del nuovo logo sta nel fatto che ci identifica pienamente al di là del mero gusto estetico e questo dopo pochi minuti di presentazione convince tutti della bontà del progetto.

Nello specifico quali sono stati i feedback dei negozianti?

Abbiamo ricevuto diversi attestati, dai più spontanei ad altri maggiormente formali ma tutti ci hanno fatto grande piacere. C’è chi ci ha scritto congratulandosi per il lavoro svolto, chi ha voluto ringraziarci per le emozioni che abbiamo trasmesso dopo avere letto i contenuti che si trovano dentro gli strumenti che abbiamo sviluppato. C’è chi è rimasto sorpreso dal metodo che abbiamo utilizzato, coinvolgendo a più livelli molte persone e funzioni dentro l’azienda. C’è chi ci ha telefonato per chiederci ulteriori dettagli. Abbiamo però capito che i clienti ci riconoscono nel nostro nuovo logo e questo permetterà loro di lavorare con un brand la cui immagine è distintiva, unica, semplice ed estremamente efficace: un grosso vantaggio anche per loro in un periodo storico di importanti scelte da fare.