In questo articolo si parla di:

Il brand produttore di zaini Osprey ha annunciato che è entrato in essere un “accordo vincolante” per l’acquisizione da parte della holding di beni di consumo Helen of Troy (HoT), che possiede anche Hydro Flask.

Anche se i termini dell’accordo non sono stati divulgati, una presentazione delle relazioni con gli investitori sul sito web di HoT suggerisce che il valore complessivo di Osprey potrebbe essere di più di 410 milioni di dollari. Le vendite al consumo del brand del falco pescatore previste per il 2021 dovrebbero superare i 155 milioni di dollari e l’accordo potrebbe potenzialmente aggiungere 20 milioni di dollari di entrate annuali per HoT.

Con questa acquisizione, il  ceo e proprietario Layne Rigney, insieme al suo talentuoso team di oltre 270 dipendenti, si unirà a HoT e continuerà a guidare Osprey, la cui sede rimarrà ai piedi delle montagne di San Juan a Cortez, in Colorado, con uffici nello Utah, nel Regno Unito e in Vietnam.

Dopo 47 anni di progettazione di zaini, il fondatore, comproprietario e direttore dell’innovazione di Osprey, Mike Pfotenhauer insieme a sua moglie Diane Wren, comproprietaria e membro del consiglio di amministrazione, hanno deciso di ritirarsi e vendere l’azienda. La scelta è ricaduta su Helen of Troy in quanto il suo impegno, insieme alla sua gestione dei brand, ha valori affini a quelli di Osprey, come il design creativo e innovativo.

E proprio quest’ultimo, un tratto distintivo sino a oggi, continuerà ad essere uno dei punti cardine del marchio, così come il suo obiettivo di diventare il brand di prodotti resistenti più progressista, trasparente e sostenibile al mondo.

credit: Dila Pertiwi Photography

La dedizione di Osprey nel creare attrezzature best-in-class, ad alte prestazioni e sostenibili riflette l’amore del marchio per l’avventura e la devozione per la vita all’aria aperta. Questa dedizione continuerà con Helen of Troy.

Helen of Troy sa che per costruire un brand solido e resistente è necessario un buon rapporto con i propri clienti, i dipendenti, la comunità e il pianeta. Infatti la combinazione di queste aziende sarà una forza nel settore outdoor per gli anni a venire”.

“Voglio estendere il mio apprezzamento e ribadire il mio rispetto a tutti i miei attuali ed ex colleghi di Osprey e alle loro famiglie per il loro impegno non solo verso la nostra azienda, ma verso gli altri e le loro comunità”, ha detto Pfotenhauer. “La loro dedizione ha costruito Osprey in un marchio e una famiglia di cui milioni di utenti finali si fidano e a cui tengono profondamente”.

“Non ci saranno cambiamenti radicali. Osprey continuerà a fare ciò che meglio sa fare: progettare e costruire prodotti eccezionali per i prossimi 50 anni e oltre”, ha poi continuato Mike Pfotenhauer che, insieme alla moglie è convinto che Helen of Troy condivida a pieno la loro cultura e i loro valori, in particolare l’impegno nei confronti dei propri dipendenti e dell’ambiente. Infatti Helen of Troy promuove un ambiente di lavoro inclusivo e diversificato e valorizza un sano equilibrio tra lavoro e vita privata.

Pfotenhauer passerà a un ruolo di consulenza per il brand nel corso del prossimo anno, completando i progetti di design a cui sta attualmente lavorando.

“Mi sto lasciando alle spalle un team collaborativo di esperti di design con cui ho lavorato per molti anni. Team che però è decisamente pronto a portare l’ethos del design Osprey verso nuovi orizzonti, ha affermato. “Osprey è stata la mia vita per 47 anni. Fondare, crescere e coltivare questa azienda ha occupato la maggior parte del mio tempo. È stato incredibile, sempre impegnativo ma costantemente gratificante e appagante.

Mentre Mike Pfotenhauer guarda avanti: “Sono un artista nel cuore. Progettare zaini ha soddisfatto questo mio bisogno di creare. Piuttosto che andare in pensione come la maggior parte potrebbe fare alla mia età, voglio concentrare le mie energie su un equilibrio di progetti artistici e un lavoro significativo su problemi ambientali e sociali.

Layne Rigney, presidente e ceo di Osprey, dichiara: “Auguriamo a Mike e Diane una meritata e avventurosa pensione. Mentre Osprey si imbarca in questo prossimo capitolo sotto l’ala di Helen of Troy, il marchio è pronto ad onorare l’eredità che Mike e Diane hanno costruito in tutti questi anni “.

Le dichiarazioni di Helen of Troy

“Gli zaini Osprey hanno accompagnato la mia famiglia in innumerevoli avventure in tutto il mondo per più di 20 anni. La loro eccellenza e resitenza ci ha invogliato ad acquistare ulteriori prodotti Osprey a seconda della nostra necessità di zaini tecnici e quotidiani. Anche quando erano necessarie piccole riparazioni, All Mighty Guarantee di Osprey era lì per prendersi cura di noi, rafforzando la mia convinzione che dietro ogni zaino c’era una fantastica storia aziendale, ha dichiarato Julien Mininberg, ceo di Helen of Troy.

Oltre all’incredibile design del prodotto di Osprey e alla sua garanzia leader del settore, Helen of Troy è rimasta colpita dal centro di progettazione di Osprey in Vietnam e dalle sue solide partnership di fabbrica.

“Diamo il benvenuto a Osprey nella nostra famiglia. Con investimenti strategici nel marketing, nel suo sito web, nell’ulteriore sviluppo del business direct-to- consumer di Osprey: non vediamo l’ora di aiutare a gestire la crescita del marchio e renderlo una parte ancora più centrale della vita degli appassionati di outdoor“, aggiunge Mininberg.

Helen of Troy integra con successo le nuove aziende acquisite nel suo portafoglio di brand, offrendo loro nuove prospettive, dai suoi leader ai suoi dipendenti. Come hanno fatto con altri marchi, HoT fornirà a Osprey competenze e investimenti per facilitare ulteriori innovazioni e crescita.

Da quando abbiamo collaborato con Mike, Diane e il team di Osprey nel 2016, abbiamo avuto un posto in prima fila per un’incredibile crescita”, ha dichiarato Christian Johnson, partner di Freeman Spogli & Co., una società di private equity che ha investito nel marchio cinque anni fa. “È stato un privilegio lavorare a stretto contatto con questo team e non vediamo l’ora di vedere l’azienda crescere sempre di più sotto la nuova proprietà di Helen of Troy”.

Osprey diventerebbe il secondo marchio core outdoor di HOT, unendosi a Hydro Flask con sede a Bend, acquisito dalla società nel 2016, nonostante il Gruppo sia più rivolto verso marchi beauty, come Revlon, Pert e Brut.

Rigney ha aggiunto che, come risultato della vendita, Osprey sarà anche in grado di rafforzare ed espandere la sua distribuzione e quota di mercato in Asia e America Latina.

“Circa la metà delle vendite di Osprey sono al di fuori degli Stati Uniti, accelerando ulteriormente la nostra strategia di investire a livello internazionale“, ha detto Mininberg. “Crediamo che Osprey e Hydro Flask costituiscano una combinazione irresistibile negli Stati Uniti e forniscano ulteriore massa critica a livello internazionale con migliaia di porte di vendita al dettaglio aggiuntive, di cui potranno beneficiare entrambi i marchi e i consumatori”.

La transazione dovrebbe chiudersi entro la fine dell’anno solare, secondo gli annunci delle società, “soggetta alle consuete condizioni di chiusura, compresa l’approvazione normativa”.

Morgan Stanley & Co. LLC ha agito come consulente finanziario e Godfrey & Kahn, S.C. ha agito come consulente Osprey per questa transazione.

Fonte: Osprey – Outside Business Journal.