In questo articolo si parla di:

È iniziato il cowntdown per i Campionati Europei di skyrunning che avranno luogo in Portogallo, a São Pedro do Sul, il 19 e 20 novembre 2021.

Dopo un anno di continue cancellazioni gli atleti sono trepidanti e, al momento risultano ne iscritti ben 116, provenienti da 20 nazioni diverse: Austria, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Norvegia, Portogallo, Russia, Serbia, Spagna, Svezia, Svizzera, Belgio, Kosovo, Montenegro e Ucraina, di cui le ultime quattro competono per la prima volta.

Nella due giorni i runner si sfideranno nelle discipline sky e skyultra nella parte settentrionale del Portogallo, dove il terreno impegnativo presenta un dislivello positivo del 20% in entrambe le gare, una vera sfida per gli skyrunner a cui piacciono i percorsi duri e ripidi.

Gli eventi inizieranno venerdì 19 novembre con la Skyultra della Pisão Extreme, 65 km di lunghezza con 6.500m di dislivello. Il fascino di questa gara durissima ha richiamato la partecipazione del campione del Mondo di skyrunning 2016 Stian Angermund-Vik dalla Norvegia nel 2018. È tornato nel 2019 per stabilire il record di 9h54’40”. Il record femminile è di 14h51’38” della portoghese Jocelina Ferreira. Solo il 30% dei partecipanti riesce a tagliare il traguardo di questa gara tanto dura quanto affascinante.

Il 20 novembre è la volta della disciplina sky con il popolarissimo Pisão Skyrunning, lungo 35 km con 3.500m di dislivello. I record sono stati stabiliti dallo spagnolo Fran Salgueiro in 4h40’53” per gli uomini e dalla portoghese Sabina Marques in 6h25’03” per le donne.

I Campionati Europei di Skyrunning sono aperti solo alle squadre nazionali ufficiali e avranno un inizio separato dall’evento aperto al pubblico.
Verranno assegnate quindici medaglie nelle due discipline insieme ai titoli di Campione Europeo di Skyrunning.