In questo articolo si parla di:

The North Face lancia il nuovo sistema per l’alpinismo Advanced Mountain Kit, sviluppato in collaborazione con gli alpinisti del proprio team David Göttler, Hervé Barmasse e Andres Marin per rispondere a una nuova e specifica richiesta del settore.

Negli ultimi decenni, infatti, l’esplorazione in alta montagna è cambiata, così come mutate sono le esigenze degli atleti, che ora si muovono più velocemente e hanno bisogno di un equipaggiamento sempre più all’avanguardia. Il kit proposto dall’azienda viene incontro proprio in tal senso, essendo composto da 21 elementi che coniugano traspirabilità, leggerezza e comprimibilità in un perfetto mix di libertà di movimento, comfort e protezione, senza scendere a compromessi in termini di protezione dalle condizioni più estreme.

Un’innovazione che rappresenta il risultato di anni di ricerca e sviluppo, ma soprattutto il desiderio di continuare a lavorare fianco a fianco con i propri atleti per trovare le risposte ideali alle loro esigenze e accompagnarli alle spedizioni più estreme. Tutto ciò a conferma della filosofia alla base dello sviluppo di prodotto da parte del brand: “Athlete tested, expedition proven”.

Presentata per la prima volta a inizio 2020, il lancio della collezione è stato posticipato a causa dell’emergenza sanitaria. Sarà disponibile in Europa in nove punti vendita specializzati. In Italia, in particolare, da Df Sport Specialist di Milano.

Caratteristiche

Advanced Mountain Kit integra cinque tecnologie a strati brevettate:

  1. Cloud Down: struttura innovativa ideata utilizzando una costruzione a pannelli sfalsati per una prestazione termica migliorata in un prodotto più leggero. Presenta una costruzione interna ed esterna asimmetrica, lasciando il massimo spazio al piumino e mantenendo la fodera vicino alla pelle per una maggiore sensazione di calore.
  2. 50/50 Down: imbottitura innovativa realizzata con un piumino incredibilmente traspirante. La divisione in scomparti trattiene il piumino e si combina a un tessuto di rivestimento altamente permeabile all’aria, creando così uno strato imbottito traspirante del tutto innovativo, per la fuoriuscita dell’umidità e una migliore regolazione della temperatura durante l’attività.
  3. FutureFleece: costruzione ad anelli realizzata con filati ottagonali e sezioni cave incrociate che conferisce ai tessuti tecnici una prestazione termica più elevata. Contribuisce a rendere caldo e morbido un prodotto apparentemente sottile, anche dopo ore negli ambienti più ostili.
  4. DotKnit: strato base che allontana l’umidità dalla pelle, portandola verso l’esterno grazie ai tessuti interni idrofobi; i tessuti esterni idrofili attirano invece l’umidità grazie ai fori tecnici presenti su tutto lo strato.
  5. Futurelight: a differenza di quelle convenzionali, la nano struttura di questa membrana permette il passaggio dell’aria, garantendo maggiore ventilazione e traspirabilità, senza sacrificare impermeabilità e resistenza.

Dichiarazione

“The North Face è da sempre impegnata nel creare prodotti in grado di accompagnare al meglio l’esplorazione, riscrivendo le regole di ciò che è possibile e consentendo agli atleti, ovunque nel mondo, di raggiungere i propri obiettivi”, ha dichiarato il vp, product e marketing Michael Horsch.

Questo kit e il processo che ha portato alla sua realizzazione sono straordinari. La cura dei dettagli di ogni singolo prodotto è davvero notevole. Si tratta del kit più leggero e funzionale che io abbia mai indossato e non vedo l’ora di poter affrontare nuove straordinarie avventure durante le quali metterlo alla prova”, ha commentato l’alpinista e membro del team The North Face, David Göttler.

(Credits photo © Mathis Dumas)