In questo articolo si parla di:

Sono ancora due le competizioni da iniziare (TOR130 – Tot Dret e TOR30 – Passage au Malatrà) e altrettante quelle attualmente in corso al TORX 2021. Si tratta del TOR450 – Tor des Glaciers e del TOR330 – Tor des Geants, le cui classifiche sono suscettibili di cambiamenti improvvisi per le prime posizioni al vertice, proprio come il meteo variabile di queste ore.

TOR330 – Tor des Geants

Al maschile la coppia di testa formata dallo svizzero Jonas Russi e da Franco Collé, ripresosi bene dalle difficoltà fisiche di ieri, ha ormai un vantaggio consolidato sugli inseguitori. È facile scommettere che da qui all’arrivo, previsto per le prime ore del mattino di domani, i due romperanno ogni indugio e la tattica lascerà il posto alla voglia di vincere, tanto più che l’ingegnere valdostano ha lasciato intendere di voler puntare al record della gara di 67:52:15, stabilito nel 2017 dal basco Dominguez.

In campo femminile, citazione d’obbligo per l’eccellente prestazione della spagnola Silvia Trigueros Garrote, al momento nona assoluta e prima tra le donne, con l’italiana Melissa Paganelli e la francese Bannwarth a formare il provvisorio podio femminile. Ma la giornata di oggi, e soprattutto la notte che attende ancora gli atleti, potrebbero sparigliare tutto,

TOR450 – Tor des Glaciers

Situazione analoga per la gara più lunga, che vede lo svizzero Jules Gabioud e l’italiano (ma francese di adozione) Luca Papi stabilmente al comando da inizio gara. I due, nonostante stiano compiendo un’impresa sportiva per pochissimi, fanno sembrare estremamente tutto facile.

A una 15ina di km l’ottima Stephanie Case, terza assoluta. Ieri – tra l’altro – la canadese si è resa protagonista di un episodio quanto mai insolito, che per fortuna si è risolto con un sorriso e un post su Instagram: è stata attaccata da un asino!

Anche in questo caso saranno le ultime ore di gara a sancire vincitore e podio al traguardo di Courmayeur giovedì mattina.

TOR130 – Tot Dret

Nel frattempo sale l’attesa per la terza gara del programma TORX, qualificante per la prossima edizione del TOR330 – Tor des Geants, la cui partenza è fissata per le ore 21 di stasera, martedì 14 settembre, da Gressoney-Saint-Jean.

Ad attendere gli oltre 300 iscritti, 130 km resi ancora più impegnativi dai 12.000 metri di dislivello e un percorso molto tecnico e veloce, che richiede una velocità media minima di 3 km/h (contro i 2,2 km/h del Tor des Geants) per poter giungere all’arrivo nel tempo massimo di 44 ore.

TOR30 – Passage au Malatrà

Sabato, infine, sarà la volta del TOR30 – Passage au Malatrà, la competizione sulla distanza più breve e ultima in programma, che prenderà il via alle ore 18 da Saint-Rhémy-En-Bosses.

È possibile monitorare l’andamento delle gare attraverso il live tracking sul sito ufficiale o seguendo le pagine Facebook e Instagram dell’evento.

(Credits photo © Stefano Jeantet, Pierre Lucianaz e Roberto Roux)