In questo articolo si parla di:

Ci siamo! Ormai tutti gli atleti sono in fase di scarico e tutto è pronto per la partenza dell’endurance trail più duro al mondo, il mitico Tor des Géants. Al via anche il team rosa di Ferrino, che partecipa con un terzetto di atlete pronte a dare il massimo e intenzionate a portare a termine l’impresa. Atlete ma prima di ogni altra cosa donne. Donne normali che, oltre a gestire gli impegni quotidiani, scelgono di dedicare il loro tempo libero agli allenamenti necessari per poter partecipare a gare iconiche come il Tor des Géants. Ecco di chi si tratta:

Alena Shevchuk – Russa, classe 1971, è una donna e una mamma determinata nella vita come in gara. Specialista delle lunghe distanza nel 2019, si classifica al quinto posto al TOR130 – Tot Dret. Ora ha deciso di alzare l’asticella affrontando la gara maestra dell’evento.

Giulia Zanovello – Valdostana d’adozione, classe 1990, scopre la corsa in montagna con il suo arrivo in Valle d’Aosta, anche se la vera passione è quella per lo scialpinismo. Si allena nelle prime ore del mattino per poi dedicarsi al lavoro in hotel.
Maria Elisabetta Lastri – Senese, ingegnere civile classe 1988, con il Ferrino Women Team ha già corso il TOR 2019, mentre l’anno prima si è classificata seconda al Tot Dret. Amante degli sport all’aria aperta, ha trovato il giusto connubio tra lavoro e gare su lunghe distanze.

“Siamo entusiasti di questa partnership ormai storica con il Tor des Géants”, ha commentato il ceo Anna Ferrino. “Abbiamo voglia di tornare sui sentieri del Tor per rivivere le emozioni che solo una manifestazione di questa portata sa regalare”.

Un’undicesima edizione che significa anche ritorno alle manifestazioni sportive dopo un anno di stop, che Ferrino ha scelto di celebrare con tre modelli di zaino brandizzati TorX e disponibili presso l’area merchandising ufficiale del Tor a Courmayeur. Si tratta di X-Rush Vest 5 l, Dry Run 12 e X-Track 20 tra i migliori modelli da running concepiti per le medie e le lunghe distanze.

(Credits photo © Stefano Jeantet)