In questo articolo si parla di:

Per l’autunno 2021 Osprey lancia la campagna “L’Outdoor chiama, vieni a scoprirlo!”, con cui si pone l’obiettivo di mettere in primo piano storie ed esperienze della propria community di ambassador e sostenitori. Condividere le proprie avventure insieme ai luoghi e alle persone che li ispirano, direttamente dal campo, da quelle all’aria aperta nel Regno Unito e in Europa fino alle cime delle montagne nepalesi.

L’iniziativa è iniziata questo mese con la condivisione delle esperienze di Nimsdai Purja, che da sempre si batte per l’aumento dei rifiuti in montagna. Infatti, dato che le spedizioni sono sempre più gettonate e dunque e frequentate da molte persone, le conseguenze di questo “affollamento” hanno causato un effetto dannoso su coloro che vivono sul monte Everest e nelle sue vicinanze.

Durante la sua ascesa verso la cima, Nimsdai ha valutato lo stato in cui si trova la montagna, in vista poi del “Big Mountain Clean-up” che intraprenderà nei prossimi mesi.

All’inizio di quest’anno ho fatto parte del primo team che abbia mai scalato il K2 in inverno (che ha raggiunto anche con l’aiuto di Osprey, ndr). Ad aprile, dopo un po’ di tempo libero, sono tornato sull’Everest con il mio team Elite Exped, portando i nostri clienti all’esperienza di una vita, in cima all’Everest – o come è noto a noi e alla gente del Nepal come Sagarmatha”, ha raccontato Purja. Ho un approccio a tolleranza zero nei confronti dei rifiuti generati dalle sempre più popolari spedizioni, che ora stanno avendo un impatto dannoso su coloro che vivono in montagna e nei dintorni”.

In contemporanea al lancio di “L’Outdoor chiama, vieni a scoprirlo!”, sono stati presentati anche i nuovi prodotti FW 21/22, incluso il Transporter, la serie da viaggio sostenibile interamente riprogettata.

Per seguire tutte le avventure di Nimsdai insieme ad Annika Vossen, basta seguire la pagina Instagram di Osprey Europe e il sito internet del brand. Altre esperienze legate alla campagna sono raccontate dalla viaggiatrice Sofia Jin & Aslan Steel e dall’esploratore Aldo Kane.

(Credits photo © Mingma David Sherpa)