In questo articolo si parla di:

Outback 97, in collaborazione con l’università di Bergamo e la sezione CAI locale, mette a disposizione quattro borse di studio del valore di 1.200 euro l’una per il corso di studi “Valorizzazione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali della montagna”.

Diretto dal professor Fulvio Adobati e alla sua prima edizione, esso prevede 120 ore di formazione in aula con frequenza obbligatoria e lezioni in presenza e 50 ore di stage, project work o progetto di ricerca, con una prova finale a conclusione del ciclo. Il corso prenderà il via il prossimo 26 novembre e si concluderà nel mese di maggio, con le iscrizioni che si chiuderanno venerdì 8 ottobre.

Le borse di studio offerte da Outback 97, messe a disposizione per coloro che sono in possesso dei requisiti necessari, saranno corrisposte sotto forma di esenzione totale dal pagamento del contributo di iscrizione e dimostrano una volta di più l’attenzione a tematiche sociali ed educative non così scontate da parte dell’azienda.

Scheda del corso

Una volta terminato il corso, i partecipanti avranno conseguito gli strumenti necessari a operare in maniera adeguata e consapevole nell’ambito della gestione e valorizzazione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali delle aree interne montane. In particolare è previsto che essi acquisiscano:

  • la capacità di riconoscere il patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico montano nei suoi tratti caratterizzanti e nelle specificità territoriali;
  • la capacità di risignificare/valorizzare i luoghi in funzione turistica, anche attraverso una più consapevole cultura dei luoghi;
  • la capacità di avviare una progettazione economica complessa, che includa anche richieste di finanziamento su bando.

Gli sbocchi a livello occupazionale prevedono un inserimento nella pubblica amministrazione, in particolare in istituzioni territoriali come comuni, parchi e comunità montane, oppure come operatori professionali nell’ambito della valorizzazione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali della montagna o – ancora – come liberi professionisti, in qualità di progettisti territoriali con competenze rivolte a bandi comunitari, ministeriali, regionali e di fondazioni.

Qui l’intera scheda del corso, con programmi e insegnamenti descritti nel dettaglio.