In questo articolo si parla di:

La nuova arrivata della linea Epic Women di Zamberlan è pensata per incantare il pubblico femminile. Un connubio tra sostenibilità, estetica e alte prestazioni.

Circe GTX

Nata dal know-how dell’azienda nel campo del footwear femminile e sul quale si fonda tutta la linea Epic Women, Circe GTX è l’ultima creazione di Zamberlan. Con un nome che riporta alla mitologia greca e made in Italy, è pensata per le donne come modello da hiking con l’obiettivo di coniugare la versatilità di una scarpa da trail running con maggiori supporto e protezione.

Ideata sull’anatomia del piede femminile, vanta l’innovativa calzata Zamberlan X Active Fit. È il prodotto ideale per chi ricerca una soluzione sostenibile senza rinunciare all’estetica di pregio, grazie alla tomaia in microfibra di ultima generazione lavorata a effetto “suede”.

La fodera in Gore-Tex e gli inserti protettivi in PU rendono Circe GTX idrorepellente e allo stesso tempo traspirante. L’intersuola è in EVA per garantire un ottimo cushioning.

Circe GTX, versione high

Suola Zamberlan Vibram Junko con mescola Megagrip

Progetto esclusivo del brand in collaborazione con l’azienda varesina, sviluppa un nuovo concetto di suola con forme più comode e simili a quelle in uso nel trail running, offrendo però prestazioni hiking superiori.

Presenta più ampiezza sul tallone che, sommata alla profondità della zeppa, regala comfort unico ed estrema stabilità, mentre l’inedita protezione del famice ne aumenta durata e resistenza. Il disegno dei tappi e della suola è sviluppato per ottenere un grip ottimale, facilità di flessione e di auto pulizia.

Circe CTX, versione low

Benefits

  • Altezza mid per garantire protezione e libertà di movimento
  • Made in Italy
  • Forma con innovativa pianta anatomica
  • Inserti in PU
  • Leggerezza e comfort
  • Ammortizzazione e stabilità
  • Idrorepellenza
  • Ottima aderenza su diversi tipi di terreno

Una composizione green

I materiali sfruttati per la realizzazione della Circe GTX non presentano contenuti di provenienza animale: la tomaia infatti, pur essendo sintetica, conserva le medesime caratteristiche di resistenza all’usura del pellame, riducendo allo stesso tempo gli sprechi. I collanti sono a base di acqua, senza contenuti di natura animale, dunque meno impattanti a livello ambientale.

Linea Epic Women

Pensata e sviluppata da un team di lavoro completamente femminile, la collezione ideata da Zamberlan ha saputo interpretare e far convivere al meglio tre fattori fondamentali:

  • le attuali esigenze delle sportive amanti della montagna;
  • l’artigianalità e le peculiarità costruttive (i modelli sono costruiti sul piede, sulla calzata e sulla postura femminile);
  • lo spirito intraprendente delle prime “scalatrici”.

Maria Zamberlan

Maria Zamberlan, presidente Calzaturificio Zamberlan

“Abbiamo sempre avuto dei modelli dedicati alla donna. Il 2019 ha rappresentato una tappa importante della nostra storia perché ha visto la nascita della nuova linea Epic Women, totalmente pensata, ideata, testata e prodotta per le esigenze di calzata, peso, energia, performance ed estetica femminili” .

Defne Yalkut

Defne Yalkut, designer Epic Women

“Facendo le ricerche per creare una collezione fatta da donne per le donne, ho capito che richiedevano maggiore morbidezza, più flessibilità e, allo stesso tempo, desideravano anche stabilità. Grazie alle forme studiate appositamente, i materiali e le suole innovative, abbiamo fatto un grande passo in avanti. Tutti i componenti e i dettagli sono stati messi a punto per il pubblico femminile per assicurare migliori prestazioni e massimo comfort. Dal punto di vista estetico ho capito che viene prediletta maggiore pulizia e dettagli freschi, ma soprattutto nuovi colori che non siano i classici rosa, viola o lilla, ma qualcosa di veramente studiato per la montagna. Tutto ciò distingue la collezione dalle scarpe rivolte al pubblico maschile. Spero che questa linea sia epica”.

La collezione Epic Women è dedicata a quelle donne che hanno lasciato un segno nella storia, sfidando i pregiudizi dell’epoca in cui hanno vissuto, superando i propri limiti e aprendo la via al genere femminile e alla loro inclusione.

  • Marie Paradis fu la prima donna a raggiungere la vetta del Monte Bianco il 14 luglio 1808, senza nessuna esperienza alpinistica.
  • Amelia Edwards nell’estate del 1872 raggiunse molte delle vette e luoghi inaccessibili sulle Dolomiti guidata dalla sua curiosità, dall’inesauribile entusiasmo e dalla sete di conoscenza.
  • Henriette d’Angeville è passata alla storia per essere stata la seconda donna a raggiungere la vetta del Monte Bianco, nel 1838, celebrando i 30 anni dell’impresa di Marie Paradis.
  • Rosa Luxemburg, filosofa, politica ed economista, fu tra i primi economisti a porre l’accento sul problema della domanda, che divenne di cruciale importanza dopo la grande crisi del 1929.
  • Frida Khalo fu la pittrice latinoamericana più celebre del XX secolo che fece suoi i valori della Rivoluzione messicana, tra cui l’amore per la cultura popolare.
  • La Maga Circe, divinità della mitologia greca e figura centrale nel mito dell’Odissea, fu una donna bellissima e potente.
  • Jane Addams fu un’attivista sociale e politica statunitense, sostenitrice del riconoscimento del diritto di voto a favore delle donne. Vinse il premio Nobel per la Pace nel 1931.

INFO: Calzaturificio Zamberlan – 0445.660999 – zamberlan@zamberlan.com