In questo articolo si parla di:

Si chiama Golden Trail World Series di Canazei e si attesta a imperdibile appuntamento italiano del circuito internazionale che racchiude gli eventi più iconici della corsa off road. Nel cuore delle Dolomiti italiane, quello che viene riconosciuto tra i più impegnativi, suggestivi e spettacolari nel panorama internazionale, è in programma domenica 18 luglio con la prova sky.

Per capire la spettacolarità del tracciato, basti pensare che uno dei passaggi più iconici e spettacolari del tracciato è il corridoio per l’inferno del Pordoi, che permette di raggiungere la vetta del Piz Boè a 3.152 metri. Un’occasione imperdibile per gli amanti del trail running di vivere una gara incredibile, ovvero la terza tappa a Canazei (TN) della Golden Trail World Series – DoloMyths Run del prossimo 18 luglio con partenza alle ore 8:30, quindi a sole due settimane dal precedente appuntamento GTWS (Marathon du Mont-Blanc), con gli interpreti più forti al mondo pronti.

Protagonista una sky con lunghezza di 22 km disegnata su un percorso straordinario per la sua unica conformità. Si tratta di una gara cosiddetta “fast”, ma con l’insidia di ben 1.700 metri di dislivello positivo, tutti da “digerire” nei primi 10 km. Poi il famoso passaggio “all’inferno” e successivamente una discesa di 12 km in cui gli atleti dovranno prestare massima attenzione per il fondo ghiaioso. Infine, un tratto boschivo e traguardo a Canazei.

Il portacolori del team Salomon Italia Davide Magnini, tra i protagonisti più attesi dell’evento, correrà “in casa” nel suo Trentino, e attualmente è al secondo posto assoluto della classifica GTWS.

“In questo periodo mi sento abbastanza bene, ho delle sensazioni in netto miglioramento a livello di preparazione. Per questa gara bisogna essere molto performanti.Speriamo di riuscire a correre bene in salita e cercare di costruirsi un buon margine per non dover rischiare troppo nella discesa che diventa molto più pericolosa. Spero di togliermi qualche soddisfazione proprio sulla gara di casa in Italia”.

La lotta si prevede veramente agguerrita vista la presenza di super talenti della corsa off road del calibro di Stian Angermund (NOR), Nadir Maguet (ITA), Frédéric Tranchand (FRA), Bart Przedwojewski (POL), Elhousine Elazzaoui (MAR), Rémi Bonnet (CHE), Thibaut Baronian (FRA), Sylvain Cachard (FRA), Christian Mathys (CHE), Johann Baujard (FRA), Marcin Rzeszòtko (POL), Nicolas Martin (FRA), per citarne alcuni.

In campo femminile invece al nastro di partenza Judith Wyder (CHE), Lucille Germain (FRA), Marcela Vasinova (CZE), Odile Spycher (CHE), Anne Dvergsdal (NOR), Fanny Borgström (SWE), Marianne Fatton (CHE), Anna-Stiina Erkkilä (FIN), Nuria Gil (ESP) e Mathilde Sagnes (FRA).

Golden Trail World Series

Si distingue nel mondo dello sport moderno rispettando valori unici come parità, equità, trasparenza e onestà. Le gare sono state scelte per evidenziare gli eventi più iconici di questo sport oggi. La serie mira a promuovere i trail runner professionisti come atleti di livello mondiale, a mostrare e proteggere la natura maestosa e gli ambienti in cui giochiamo e gareggiamo, e a riconoscere gli appassionati e i fan come ingrediente essenziale di questo sport. Ognuna delle sei gare della serie è stata appositamente selezionata per lo scenario, le sfide, la storia e l’atmosfera che offrono sia ai corridori che al pubblico.