In questo articolo si parla di:

Sono iniziati oggi i Campionati del Mondo di Skyrunning 2020 nella magnifica location nella Vall de Boí, in Spagna, e si protrarrano per l’intero weekend con tre gare in tre discipline di skyrunning.

Il parterre di livello mondiale conta circa 152 atleti provenienti da 21 Paesi che si confronteranno nelle gare vertical, sky e skyultra, in un sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, sotto l’ombrello del Buff Mountain Festival.

Molti dei top runner partecipanti ai Campionati del Mondo condividono gli stessi sentimenti – di cui ve ne abbiamo parlato qui – per questo che è il momento clou della stagione e c’è una sensazione di rinascita dopo la lunga attesa dovuta alla cancellazione dell’evento dello scorso anno.

Il primo giorno di gara

A dare il via alla prima giornata dei Campionati del Mondo di Skyrunning 2020 è stato il Buff Epic Trail VK, un vertical kilometer di 2,8 km che ha scaldato fin da subito l’atmosfera.

Un’occasione in cui la nazionale italiana ha dato prova di essere una grande squadra. Il miglior piazzamento va a Manuel Da Col (quarto posto), a seguire Andrea Marinucci (12simo), Luca Compagnoni, Luca Del Pero e Lorenzo Rota Martir (rispettivamente 14simo, 15simo e 16simo). In campo femminile Elena Nicolini si è aggiudicata un ottavo posto.

I primi 10 classificati del Buff Epic Trail VK

  1. Ruy Ueda, JPN, 00:35:06
  2. Daniel Osanz Laborda, ESP, 00:35:38
  3. Roberto Delorenzi, SUI, 00:35:55
  4. Manuel Da Col, ITA, 00:36:05
  5. Oscar Casal Mir, AND, 00:36:52
  6. Pere Rullan Estalleres, ESP, 00:37:20
  7. Ryunosuke Omi, JPN, 00:37:44
  8. Mike Popejoy, USA, 00:38:22
  9. Arnau Soldevila Busquets, AND, 00:38:23
  10. Manuel Merillas, ESP, 00:38:29