L’European Outdoor Conservation Association (EOCA) ha annunciato il primo dei quattro round di finanziamenti previsti nei prossimi due anni, che permetteranno di realizzare i progetti in linea con il focus “Wild for Nature: EOCA’s Landscape Legacy Project”. Questi sono stati selezionati dai membri dell’associazione e dal pubblico, dopo – rispettivamente – una votazione riservata e una pubblica di due settimane.

Insieme, l’industria dell’outdoor può proteggere la natura e i suoi habitat.

I sette programmi scelti, dopo la ricezione di oltre 250 domande e del costo complessivo di oltre 185.000 euro, interessano Regno Unito, Brasile, Polonia, Italia, Argentina e Messico e affrontano il duplice problema della perdita di biodiversità ed emergenza climatica che minaccia vari paesaggi nel mondo. Inoltre, come lo scorso anno, EOCA ha lanciato un progetto di raccolta fondi per garantire settimane di volontariato in cui verranno ripristinati e conservati vari habitat in Repubblica Ceca.

Il progetto italiano, intitolato “Portofino Seaweed Garden”, prevede proprio di realizzare un vero giardino di alghe nell’area marina protetta della nota cittadina ligure. Si tratta in particolare della Cystoseira, un’alga molto importante per la biodiversità marina, la produzione di ossigeno e – appunto – la lotta al cambiamento climatico. Utilizzando kayak o praticando snorkelling, i volontari aiuteranno Outdoor Portofino a trapiantare, monitorare e coltivare le piccole piante della specie in una zona di 89 ettari.

Maggiori informazioni sugli altri progetti direttamente a questo link.

Nonostante le difficoltà degli ultimi 18 mesi, i membri EOCA hanno continuato a farsi avanti e a sostenere progetti vitali di conservazione in tutto il mondo”, ha dichiarato il general manager di EOCA Catherine Savidge. I progetti selezionati sono molto importanti, non solo per la biodiversità che sostengono, ma anche per il contributo che daranno nell’affrontare il cambiamento climatico, permettendo agli habitat sani di assorbire e immagazzinare il carbonio. Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con questi partner nei prossimi mesi, mentre i progetti vengono implementati”.