Lo scialpinismo si avvicina sempre più ai Cinque Cerchi. Il comitato organizzatore dei Giochi olimpici invernali Milano Cortina 2026 ha infatti sottoposto una proposta ufficiale di inserimento dello skialp come sport aggiuntivo in programma.

Il comitato esecutivo del CIO ha già approvato la proposta, ma il voto finale è atteso nel mese di luglio. Non è la prima volta che si parla di far rientrare questo sport disciplinato dalla Federazione Internazionale Sci Alpinismo come nuova proposta ai Giochi, tanto che il comitato organizzatore dei Giochi Olimpici Invernali Milano Cortina 2026 lo aveva ufficialmente inserito come disciplina aggiuntiva al programma.

La proposta si compone di cinque nuovi eventi medaglia: due eventi maschili (sprint/individuale), due eventi femminili (sprint/individuale), una staffetta mista; 48 quote atleti (24 uomini/24 donne) da reperire nel quadro complessivo della quota di 2.900.

Gli stessi cinque eventi di scialpinismo hanno contribuito al successo dei Giochi olimpici giovanili invernali Losanna 2020. Inoltre, lo scialpinismo “è uno sport particolarmente diffuso in Italia, con profonde radici storiche e sportive nelle regioni alpine” e infine proprio il Belpaese è anche una delle nazioni leader nel mondo, con diversi successi internazionali nelle principali competizioni negli ultimi 10 anni.

Sono queste le caratteristiche chiave dello skialp che supportano la sua potenziale inclusione nel programma di Milano Cortina 2026 e che il comitato esecutivo del Cio ha evidenziato nella sua proposta.

Per l’approvazione definitiva da parte di circa 100 membri del CIO si dovrà attendere il congresso in programma a Tokyo il prossimo 20-21 luglio.

Mentre la definizione del programma completo dell’evento e delle quote degli atleti toccherà aspettare giugno 2022, quando verrà organizzata una apposita riunione del comitato esecutivo.