In questo articolo si parla di:

La nazionale italiana di Skyrunning torna a correre dopo lo stop forzato del 2020 e si pone due grandi obiettivi per un 2021 che ha un sapore iridato: i campionati del mondo e i campionati europei.

Capitanati da Daniele Cappelletti sono una cinquantina i corridori del cielo che, tra nazionale senior e giovanile, si apprestano a fare da portabandiera del tricolore in questi due appuntamenti che renderanno la stagione più impegnativa che mai.

Sarà la penisola iberica a ospitare gli azzurri. I mondiali si svolgeranno infatti in Spagna, sui Pirenei, dall’9 al 11 luglio e, dal 19 al 20 novembre, i campionati europei avranno come base il Portogallo. Non da meno la nazionale giovanile, impegnata dal 30 luglio al 1° agosto in territorio nazionale, sul Gran Sasso, per i campionati del mondo giovanili, un appuntamento tanto atteso che sarà l’occasione per  far lasciare il segno ai giovani talenti youth A, B e under 23.

Gli obiettivi

Roberto Mattioli, ct della nazionale di skyrunning

“Gli obiettivi d’altra parte sono ambiziosi dal momento che l’intenzione è quella di migliorare i risultati del 2019, che ha visto la nazionale senior posizionarsi seconda ai campionati europei (dietro alla Spagna e davanti alla Repubblica Ceca). Quella giovanile si era invece aggiudicata il quarto posto ai campionati del mondo e quest’anno cercherà di porre quindi rimedio a quel podio mancato per un soffio”, ha dichiarato il ct della nazionale Roberto Mattioli.

Quelli in corso sono mesi cruciali per gli skyrunner azzurri, che hanno ultimando la preparazione atletica al fine di farsi trovare in forma per luglio.

Ma un altro obiettivo che la FiSky si è posta, oltre al rinnovamento del direttivo e della presidenza appena avvenuti, consiste nel completamento del percorso per l’ingresso in Fasi, in quanto settore federale secondo le direttive del Coni. Resta alta l’attenzione al settore giovanile e agli atleti/e affinché siano supportati nella pratica della disciplina, nonché focus sulla comunicazione e sulla consulenza alle società sportive, agli organizzatori e alle gare affiliate.

“L’obiettivo della federazione è sostenere i suoi atleti e creare un autentico spirito di squadra. È per questa ragione che ai nostri raduni, in genere, facciamo in modo che partecipino contemporaneamente sia i senior sia i giovani. Siamo convinti che gli atleti e le atlete che già prendono parte alle competizioni assolute possano dare molto ai nostri giovani in termini di esperienza e che debbano essere per questi il punto di riferimento, il modello verso cui tendere. Sono molto felice di come la nazionale giovanile sta crescendo e dello spirito di sana e onesta competizione che anima i ragazzi. Sono un gruppo coeso e molto affiatato e, soprattutto, hanno voglia di fare e di dimostrare quanto valgono. Sono certo che anche ai prossimi mondiali raggiungeremo risultati prestigiosi”, ha aggiunto Mattioli.

Raduni

Sono proprio i raduni l’altro aspetto su cui la FiSky ha deciso di investire: per la crescita di un atleta è fondamentale il confronto con gli altri. I raduni sono anche il contesto in cui maggiormente le atlete e gli atleti possono realizzare di essere parte di una realtà federale unita e coesa e di essere rappresentanti dell’Italia nel mondo.

Il primo raduno del 2021, a cui hanno preso parte circa 25 atleti tra maschi e femminine si è svolto a Sella Nevea (Ud), dal 16 al 18 aprile in occasione del Campionato Italiano Skysnow.

È seguito quello ad Agerola (Na), in Costiera Amalfitana, in occasione del Campionato Italiano Vertical dal 27 al 30 maggio.

Una rappresentanza della nazionale giovanile si riunirà invece il 16, 17 e 18 luglio a Sala al Barro (Lc per partecipare alla Barroskythenite, che fungerà da test di rifinitura in vista dei mondiali del 29 luglio.

La nazionale senior

Daniel Antonioli, Luca Arrigoni, Enrico Bonati, Danilo Brambilla, Daniele Cappelletti, Luca Carrara, Simone Eydallin, Riccardo Montani, Cristian Minoggio, Eddj Nani, Alex Oberbacher, Cristiana Follador, Katia Fori, Moira Guerini, Christel Stephanie Jimenez, Elena Nicolini, Francesca Olmi, Cecilia Pedroni, Francesca Rusconi.

La nazionale giovanile

Simone Fioroni, Gabriele Gaggero, Dionigi Gianola, Luca Lizzoli, Nicolò Lora Moretto, Andrea Marinucci, Antonio Corti, Simone Costa, Marco Daniele, Luca Del Pero, Massimo Barbeni, Mattia Bertoncini, Andrea Bonacina, Matteo Pandiani, Alex Rigo, Alessandro Riva, Lorenzo Rota Martir, Marco Salvadori, Mattia Tanara, Luigi Targhettini, Martino Utzeri, Cecilia Basso, Martina Bilora, Martina Cumerlato, Giorgia Felicetti, Francesca Gianola, Luisa Valenti.

(Credits photo © Davide Ferrari)