In questo articolo si parla di:

Attraverso il fondo di private equity Progressio Investimenti III, Progressio SGR ha scelto di investire in ATK Sports Srl, rilevando una quota di maggioranza del capitale e affiancando la famiglia Indulti, che continuerà a mantenere la guida operativa della società con Davide Indulti come amministratore delegato.

ATK Sport è un’azienda meccanica attiva nello sviluppo, progettazione e produzione di attacchi e accessori per scialpinismo per conto terzi e a marchio proprio (ATK Bindings), utilizzati dalla maggior parte degli atleti partecipanti alla Coppa del Mondo. La società, fondata nel 1998 grazie all’intuito e alle competenze di Giovanni Indulti, ha sede a Fiorano Modenese (MO), al centro della rinomata “Motor Valley” Emiliana, e nel 2020 ha realizzato ricavi per oltre nove milioni di euro, di cui circa l’85% all’estero, affermandosi come player capace di cogliere le opportunità di un settore in rapida e costante crescita.

Obiettivo del fondo Progressio è quello di supportare la società e gli imprenditori in un percorso di sviluppo che si focalizzerà sul consolidamento del posizionamento competitivo in Europa, sull’espansione negli USA e sulla continua ricerca di soluzioni meccaniche e tecnologiche innovative da applicare anche a settori adiacenti. Il piano di sviluppo potrà inoltre prevedere acquisizioni mirate al completamento dell’offerta.

Nino Mascellaro, senior partner di Progressio, ha dichiarato: “ATK ha tutte le caratteristiche dell’’hidden champion’ con grandi opportunità di crescita. La società ha saputo far leva sul proprio know-how e sulla ricerca e sviluppo per affermarsi con soluzioni sempre innovative, divenendo brand autorevole e di riferimento nel mondo dello scialpinismo. Il pieno coinvolgimento della famiglia Indulti è per noi garanzia di continuità e stimolo per portare avanti una crescita solida e sostenibile nei mercati internazionali”.

Giovanni Indulti e Guerrina Amorotti, fondatori di ATK Sports, hanno affermato: ”I primi anni di soddisfazioni e crescita sono stati seguiti dall’ingresso in azienda di nostro figlio Davide che, dal 2012, contribuisce al successo della nostra realtà, gestendo in prima persona gli aspetti tecnici e commerciali. La terza fase, quella della globalizzazione, sarà supportata dal matrimonio tra la famiglia Indulti e Progressio SGR, partner finanziario che abbiamo selezionato tra diversi soggetti, nelle persone di Filippo Gaggini e Nino Mascellaro, che hanno conquistato la nostra fiducia e stima e posto le basi per un futuro di grande successo. Ringraziamo di cuore tutti coloro che hanno contribuito – e continueranno – al raggiungimento degli obiettivi che ci siamo posti, in particolare i nostri dipendenti e collaboratori”. 

Davide Indulti, amministratore delegato di ATK, ha aggiunto: “Tredici anni fa mi è stato chiesto se vedessi in ATK il mio futuro e risposi senza indecisioni. Oggi sono più che mai convinto di quella scelta: con Progressio si è formata una squadra d’élite che ci permetterà di affrontare le sfide del futuro con le migliori energie finanziarie e manageriali. Innovazione, design e qualità saranno i driver del nostro progetto, sostenibilità e rispetto per l’ambiente il nostro focus, mentre l’innata genialità artigianale del made in Italy sarà il nostro tratto distintivo”.

Il team d’investimento di Progressio che si è occupato dell’operazione è composto da Filippo Gaggini (managing partner), Nino Mascellaro (senior partner), Mauro Ballabio (portfolio strategy & operations partner) e Simone Assanelli (Associate).

Progressio è stata assistita per gli aspetti legali dagli avvocati Margherita Santoiemma e Mara Milano dello studio Molinari e Associati, dal dottor Guido Sazbon dello studio Spada Partners per gli aspetti fiscali, da PWC per la financial e business due diligence e da EY per gli aspetti ESG.

La famiglia Indulti è stata assistita da Banca Akros in qualità di advisor finanziario (con un team formato da Alessandro Erbanni, Luca Morello e Tommaso Danieli), dallo studio legale Salardi (nella persona dell’avvocato Stefano Salardi) per gli aspetti legali e dallo studio Spaggiari & Pivetti (con i commercialisti Cristina Spaggiari e Giovanni Ferrara) per gli aspetti contabili e fiscali.

L’operazione è stata finanziata da Banco BPM (con un team formato da Claudio Stefani, Domenico Costantino e Daniele Silva), assistiti dall’avvocato Ilaria Griffo dello studio associato Simmons&Simmons.

ATK Sports è l’ottavo investimento perfezionato dal fondo di private equity Progressio Investimenti III, che con questa operazione ha già investito il 68% del commitment complessivo, dopo aver chiuso a luglio del 2019 la raccolta a 250 milioni euro, superando il target previsto di 225 milioni e raggiungendo così l’hard cap.

Recentemente il consiglio di amministrazione di Progressio SGR si è arricchito dell’inserimento della dottoressa Paola Scarpa, manager di riferimento di Google Italia con il ruolo di client solution, data & insights director, in qualità di consigliere indipendente.