In questo articolo si parla di:

Complice la voglia di gare e di un ritorno alla “normalità”, sono stati oltre 450 gli atleti che si sono iscritti all’11esima edizione della Sky del Canto, in programma per la prossima domenica 16 maggio. Dopo l’annullamento dell’edizione 2020, quest’anno i numeri parlano chiaro e confermano un successo già annunciato per l’appuntamento organizzato dalla Carvico Skyrunning e che quest’anno rappresenta la prova unica di Campionato Nazionale Skyrunning per società sotto l’egida di Csen Outdoor e Campionato Nazionale Assoluto Dog Trail Csen.

Per quanto riguarda il Dog Trail, cioè la categoria che prevede in gara il binomio cane e atleta, si sono raggiunte le 33 coppie iscritte. Tra queste anche l’atleta di livello internazionale Mattia Minori dalla provincia di Frosinone che, con il suo compagno a quattro zampe, cercherà di mettere a segno l’ennesimo trionfo. Con una tesi specialistica sul Canicross presso l’università di Roma Tor Vergata, Minori si dedica da anni alla pratica della disciplina ottenendo risultati sia a livello nazionale che all’estero. Tra le donne, invece, sarà la romana Chiara Capezzone a dare del filo da torcere alle avversarie.

La Sky del Canto è un buon banco di prova per le competizioni più impegnative che andranno in scena nel corso dell’estate e vede tra gli sponsor Campo Base, Icebug, Tornado Sport Nutrition, Oxyburn e Gioielleria Ghezzi.

Partecipanti

Gli atleti da tenere d’occhio come possibili vincitori sono il super local Benedetto Roda (Carvico Skyrunning), Iacopo Brasi e Sergio Angiolini (La Recastello Radici Group), Ahmed El Mazoury (Atletica Casone Noceto), Lorenzo Rota Martir (U.S. Malonno), Pietro Colnaghi (Merate Atletica Promoline), Carlo Curnis (Elle Erre Asd) e Sergio Bonaldi. Oltre a loro anche Paolo Carminati e Renato Dell’Oro, campioni italiani di swimrun nel 2019, con alle spalle esperienze nel mondo del triathlon e delle gare Ironman.

Per la compagine femminile la supersonica Vivien Bonzi del team Gaaren cercherà di fare terra bruciata a Martina Bilora (gruppo Falchi Olginatesi), ma potrebbero dire la loro anche Laura Chimenti (Gefo K-team), Samantha Galassi (La Recastello Radici Group) e Ivonne Buzzoni (Carvico Skyrunning).

Orari e ristori

La partenza della Sky del Canto è fissata per le ore 9, seguita, a distanza di 20 minuti, dalla Dog Trail. I ristori (solamente idrici) saranno posizionati al km 8 e al km 12 e dunque è consigliato portare una piccola riserva idrica e alimentare.

Sicurezza

In base ai protocolli e alle normative anti-Covid, i partecipanti saranno tenuti a osservare le linee guida stabilite dall’organizzazione. Tra queste l’obbligo di indossare la mascherina prima e dopo la gara, in griglia di partenza e per i primi 500 metri. Queste non andranno gettate a terra dato che saranno presenti dei contenitori appositi dove riporle. Per facilitare il rispetto delle regole, inoltre, sarà fornirà anche una mascherina all’interno del box ristoro consegnato all’arrivo.

Non sono infine previste docce, spogliatoi e deposito borse, dunque ogni atleta dovrà presentarsi esclusivamente con il materiale necessario per la gara.

Test prodotto e premi

Oltre ai premi per i primi che taglieranno il traguardo messi a disposizione da Icebug e alle maglie termiche per i finisher fornite da Oxyburn, sarà possibile anche testare un paio di calzature Icebug sul tracciato della Sky e renderle a fine gara. Senza bisogno di prenotazione, le scarpe saranno fornite la mattina stessa alla partenza, previa disponibilità del numero.