In questo articolo si parla di:

La stagione dello skyrunning e della corsa in montagna è ormai alle porte e la K2 Valtellina Vertical Extreme è pronta per la terza edizione del primo doppio km verticale lombardo. Riconfermati, per la giornata di domenica 4 luglio, format e percorso: 2.000 metri only up in soli nove km di sviluppo, con partenza dalla chiesa parrocchiale nel cuore del paese orobico di Talamona (SO) a quota 272 metri e arrivo alla panoramica Cima Pisello a 2.272 metri.

Novità di questa edizione è la partnership con il marchio Alpenplus, grazie a Luca Bettineschi del nuovo store di Morbegno che, in qualità di main sponsor dell’evento, fornirà un interessante pacco gara. Inoltre, l’appuntamento è stato affiliato alla Fisky (Federazione Italiana Skyrunning) con percorso certificato dalla giuria tecnica dell’ISF (International Skyrunnig Federation) che, valutando i parametri e il livello tecnico del tracciato, ha rilasciato la certificazione internazionale di Vertical Kilometer Course. Un’attestazione che conferma l’ulteriore innalzamento dell’asticella e che fa rientrare la K2 Valtellina Vertical Extreme tra le più ambite e interessanti competizioni only up a livello internazionale.

Dopo il successo del 2019, che ha visto ai nastri di partenza oltre 200 atleti, quest’anno il comitato organizzatore sta lavorando per riportare a Talamona i più forti verticalisti in circolazione. I tempi da battere sono quelli siglati dall’azzurro di skialp Michele Boscacci del centro sportivo dell’Esercito (team La Sportiva) con il crono di 1h22’24” e dalla camuna Corinna Ghirardi di 1h42’06”.

Le iscrizioni, per i soli 200 pettorali disponibili, apriranno domenica 16 maggio a questo sito e presso lo store Alpenplus di Morbegno al costo di 30 euro (comprensivo di pacco gara, pettorale personalizzato con il proprio nome, chip per garantire il corretto cronometraggio della performance, trasporto effetti personali direttamente in quota, gadget di finisher, pranzo, discesa tramite autobus in zona partenza).

(Credits photo © Maurizio Torri & Francesco Vaninetti)