In questo articolo si parla di:

Dopo il rinvio nel mese di marzo, la terza edizione della Chianti Ultra Trail è pronta ad andare in scena il prossimo 15 maggio. Sarà il Chianti Storico, che si estende tra i comuni di Radda, Gaiole e Castellina, con le sue vigne, i suoi sentieri, i castelli e i borghi medievali, a fare da cornice a una delle più seducenti competizioni di endurance italiane. Da quest’anno poi la gara rientra tra gli eventi di interesse nazionale per il Coni, mentre come i precedenti assegnerà punti per l’edizione 2022 dell’UTMB.

Registrato il sold out con un mese di anticipo dalla chiusura delle iscrizioni, a partecipare saranno i 1.000 atleti previsti dal regolamento, provenienti da 30 diversi Paesi, che si sfideranno nelle quattro distanze in programma (15 km, 20 km, 42 km e 73 km). Questi si sviluppano tra le distese di vigneti, le storiche strade bianche (molte delle quali private e aperte esclusivamente per l’evento) e il bosco di monte San Michele, il punto più alto del tracciato, e – ancora – attraverso i borghi storici di Pieve di San Giusto, Vistarenni e Volpaia.

Ma dato che il Chianti Ultra Trail non è solo fatica e competizione ma anche e soprattutto un percorso alla scoperta del territorio che lo ospita, l’intero weekend sarà accompagnato dall’Ultra Wine. Una serie di appuntamenti per conoscere il posto, tra visite con degustazioni alle storiche cantine, percorsi sensoriali e museali, introduzioni all’arte del sommelier e, nel rispetto delle regole anti-Covid, cene a buffet all’aperto. Sarà l’occasione per tutti di godere di scorci inusuali su panorami rinascimentali e passare un’ottima due giorni in un pezzo di autentica Toscana.