In questo articolo si parla di:

A ben cinque mesi dall’evento, l’Adamello Ultra Trail registra il tutto esaurito. Dopo soli 60 giorni, tutti i 650 posti messi a disposizione dall’organizzazione sono stati prenotati, a dimostrazione di una grande voglia di tornare a correre sui sentieri della Grande Guerra dopo l’annullamento della scorsa edizione per maltempo.

Le date da segnare sul calendario sono 24, 25 e 26 settembre e il panorama, che sarà quello del comprensorio Pontedilegno-Tonale fra l’Alta Val Camonica e l’Alta Val di Sole, conferma il suo percorso di crescita, preparandosi a ospitare i migliori ultra-runner al mondo tra le bellezze naturali e paesaggistiche del Parco Nazionale dell’Adamello e del Parco Nazionale dello Stelvio.

La settima edizione quindi conterà 650 atleti totali, che verranno suddivisi sui tre percorsi preposti:

  • 200 atleti in gara per l’Ultra Trail da 170 km
  • 250 atleti per il tracciato intermedio da 90 km
  • 200 atleti per lo Short Trail da 35 km

Estremamente soddisfatto del traguardo raggiunto a cinque mesi dall’evento è il comitato organizzativo: “L’affetto dimostrato è stato davvero importante e ci dà ancora più energia per preparare l’evento al meglio. Sapevamo che c’era voglia di correre sulle nostre montagne dopo l’annullamento dello scorso anno, ma raggiungere il numero massimo di atleti in così poco tempo va oltre le aspettative. Non vediamo l’ora di accoglierli tutti a settembre”.

In linea con quanto già annunciato al momento dell’apertura delle iscrizioni, sono previste anche diverse soluzioni per eventuali imprevisti che impediscano la partecipazione, proprio per evitare l’annullamento della manifestazione per il secondo anno di fila, salvo poi arrendersi al maltempo.

Qualora ci fossero delle rinunce gli atleti potranno ottenere un rimborso pari all’80% della quota se effettuata entro il 27 giugno 2021; il rimborso sarà invece pari al 50% se la rinuncia verrà comunicata entro il 31 luglio.

Nell’eventualità in cui la manifestazione non dovesse invece disputarsi per cause organizzative o legate alla pandemia, i partecipanti avranno diritto al congelamento dell’iscrizione per l’edizione successiva o a un rimborso pari all’80%, secondo la policy già applicata per l’edizione 2020.

(Credits photo © Mario Mariotti)