In questo articolo si parla di:

Dal winter triathlon, allo scialpinismo e ora al trail running. L’amicizia tra Karpos e Daniel Antonioli, iniziata tempo fa, oggi si rinsalda grazie al suo ruolo di ambassador. “Daniel è sempre stato uno di noi e trovare, a distanza di tempo, la stessa energia dei primi anni è un privilegio che ci lega ancor di più a questo atleta completo sia da un punto di vista tecnico, ma anche e soprattutto da un punto di vista umano”, dichiara Karpos.

Daniel Antonioli, portacolori italiano e dell’Esercito, è un atleta polivalente che nasce dal winter triathlon, una disciplina che mixa corsa, mtb e fondo, con la passione per le sky.

Eppure, negli ultimi anni, a farlo conoscere e apprezzare al grande pubblico non sono stati tanto i successi invernali, quanto le performance estive sciorinate con le scarpette tassellate, sfruttate per tenersi in forma.

Da verticalista puro, in poche stagioni è diventato uno skyrunner di livello mondiale su tracciati tecnici, come confermato dai risultati ottenuti: tre podi nel circuito Skyrunner World Series 2019 (precisamente 1° Matterhorn Ultraks Extreme, 2° Livigno Skymarathon, 3° Zacup Skyrace) un sigillo alla “Maratona del Cielo”, oltre a diverse vittorie in Italia e all’estero.

I suoi punti di forza sono una buona velocità di base, il sapersi muovere sul tecnico, tanta resistenza, grande umiltà e un’innata simpatia“Insomma, per farla breve, Daniel è un fortissimo atleta, ma soprattutto un ragazzo schietto e sincero… proprio come piace a noi!”.

(Photo Credits © Maurizio Torri)