In questo articolo si parla di:

L’azienda storica Gronell, produttrice di scarpe da montagna da tre generazioni, approda a Verona, con una nuova apertura che è anche un ritorno alle origini. Negli Anni Cinquanta, infatti, il fondatore Nello Grossule veniva proprio nel capoluogo veneto in bicicletta da San Rocco di Piegara (frazione di Roveré Veronese) per acquistare il pellame e gli accessori necessari per le prime calzature.

Dopo un breve periodo come produttore di scarpe da donna, presto il signor Nello – classe 1927 – capisce che la gente del posto ha altri tipi di esigenze riguardo le calzature, come quelle di uno scarpone in cuoio, perché più pesante e robusto, e che viene subito apprezzato perché risulta non solo duraturo, ma anche comodo per il lavoro nei campi.

Nonostante un business internazionale (vendite 70% all’estero e 30% in Italia) e le diverse offerte ricevute, la famiglia Grossule non ha mai voluto lasciare il proprio territorio, la Lessinia, pur dovendo affrontare sfide e costi non indifferenti. Negli ultimi 20 anni, per rimanere coerente a questa scelta, ha avuto difficoltà a resistere all’attrazione della delocalizzazione all’estero del settore calzaturiero (dove la manodopera costa meno): “È stato un periodo molto difficile da superare, ma noi credevamo nel valore di quello che facevamo”, affermano.

In questo modo, infatti, l’azienda ha mantenuto alto il livello qualitativo che ha caratterizzato i suoi prodotti fino a oggi, perché ha potuto continuare a fare affidamento sull’esperienza dei propri collaboratori. Questi – attenzione – non sono chiamati e considerati dipendenti, ma persone che, proprio come i Grossule, vivono, abitano e amano questi territori e tutti insieme formano una grande famiglia. Attualmente in fabbrica sono impiegati una ventina di lavoratori, che nei decenni precedenti erano all’incirca il doppio.

Ancora adesso Gronell produce totalmente in Italia: dal taglio del pellame in un piccolo laboratorio vicino a San Rocco, all’orlatura e alla giunteria, fino alla costruzione del fondo, l’incollaggio, la messa in scatola e infine la spedizione. Da qualche anno, inoltre, anche i prototipi vengono realizzati internamente, grazie alla modelleria guidata dal nipote Matteo.

È lui che, partendo da zero, disegna i modelli che poi vengono creati totalmente a mano. La manualità, infatti, è la bellezza di questo lavoro: un processo fondamentale perché la percezione al tatto permette di capire i problemi e semplificare le procedure di quelli che operano nelle fasi successive. Ogni scarpa viene presa in mano decine di volte, esaminata, controllata, sentita. E a chi gli chiede cosa rappresenti per lui questa passione, trasmessagli direttamente dal nonno, Matteo risponde emozionato “È la mia vita”. Una passione che prosegue nella tradizione, da figli a nipoti.

 

Factory Store Verona è a Verona, via Ponte Nuovo.
Telefono: 045 206 3528

Il nipote Matteo Grossule