In questo articolo si parla di:

Il cosiddetto “Decreto Natale” è il decreto legge annunciato lo scorso 18 dicembre (ed entrato in vigore direttamente il giorno dopo) è formato da soli tre articoli, che indicano le ulteriori misure restrittive da attuare nel periodo natalizio per fermare la diffusione del contagio da Covid-19.

Gli esercizi commerciali che possono continuare a tenere aperto anche in zona rossa sono quelli inseriti negli allegati 23 e 24 del Dpcm dello scorso 3 novembre, sulla base dei rispettivi codici Ateco. Come vi avevamo già spiegato, questo elenco di attività è lungo (ben 35) e nello specifico comprende il “commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati”, quindi anche i negozi di articolo sportivi che vendono l’abbigliamento.

21, 22 e 23 dicembre

In questi giorni tutta l’Italia è zona gialla, con negozi aperti fino alle ore 21, mentre bar e ristoranti fino alle ore 18.

24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio

In questi giorni tutta l’Italia è zona rossa e gli unici spostamenti consentiti sono per motivi di lavoro, salute e necessità.
Negozi, centri estetici, bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie restano chiusi (consentito solo asporto fino alle ore 22 e consegne a domicilio senza restrizioni), mentre supermercati, negozi di beni alimentari e prima necessità (inclusi quelli di articoli sportivi), farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie, parrucchieri e barbieri rimangono aperti (vedi la lista negli allegati 23 e 24).
I centri commerciali restano ancora chiusi, eccezion fatta per quest’ultimi esercizi commerciali che possono svolgere regolarmente la propria attività. Ancora non operativi musei, mostre, teatri, cinema, palestre, piscine, sale giochi, sale scommesse e bingo.

28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio

In questi giorni tutta l’Italia è zona arancione: bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie restano chiusi (consentito solo asporto fino alle ore 22 e consegne a domicilio senza restrizioni), mentre tutte le altre attività (negozi e centri estetici) possono rimanere aperte fino alle ore 21.
I centri commerciali rimangono chiusi.