In questo articolo si parla di:
20 Novembre 2020

Con la nomina di Beth Thoren nella posizione di direttore delle azioni e iniziative ambientali EMEA, Patagonia rafforza la sua mission riassunta nella frase “We’re in business to save our home planet” (“Siamo in affari per salvare il nostro pianeta natale”).

In questo ruolo Beth Thoren aiuterà Patagonia ad affrontare le questioni più urgenti del nostro tempo, compreso l’impegno per raggiungere la carbon neutrality entro il 2025 in tutta l’azienda e la filiera di produzione e distribuzione, oltre a supportare più di 1.000 associazioni ambientaliste in tutto il mondo.

La sua bio parla chiaro: leader e advocate ambientalista rispettata a livello internazionale, Beth si unisce a Patagonia dopo la sua precedente esperienza di deputy chief executive presso Client Earth, una ONG ambientalista che usa il potere della legge per creare un cambiamento sistemico.

In Client Earth, Beth ha supervisionato la trasformazione che, da organizzazione britannica, ha portato l’ONG a essere una realtà globale. Ha anche seguito l’apertura dell’associazione in Asia e le sfide climatiche più urgenti in quell’area, fondamentali per l’intera comunità globale, al fine di raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi 2050.

Sotto la guida di Beth, Client Earth è stata attivamente coinvolta nella campagna Save the Blue Heart of Europe: la lotta per proteggere gli ultimi fiumi selvaggi d’Europa, nella penisola balcanica, dalla minaccia di oltre 3.000 progetti idroelettrici, insieme a Patagonia e alle ONG europee.

National Nature Service

In risposta alla diffusa sofferenza causata dal Covid, quest’anno Beth ha utilizzato il suo tempo libero per avviare e guidare un team di volontari per sviluppare il National Nature Service: un programma per affrontare i problemi del declino della natura e l’aumento della disoccupazione.

Il progetto fornirebbe ai giovani e a coloro che appartengono a minoranze etniche un lavoro retribuito, ripristinando i paesaggi impoveriti del Regno Unito, soprattutto quelli marini. È stata presentata una proposta al governo del Regno Unito che creerebbe 15.000 posti di lavoro e che si tradurrebbe nella piantumazione di 4,5 milioni di alberi, che a sua volta contribuirebbero alla realizzazione di spazi verdi urbani. 

Beth Thoren

Prima di Client Earth, Beth ha trascorso quattro anni presso la più grande onlus per la conservazione ambientale del Regno Unito, la RSPB, come director of fundraising and communications.

Beth si trasferirà in Olanda per raggiungere il team di leadership presso la sede europea di Patagonia ad Amsterdam, dove porterà la sua conoscenza degli strumenti legali a livello globale e, al contempo, seguirà le campagne della società civile per guidare il cambiamento sistemico.

Ryan Gellert, ceo di Patagonia, dichiara:

“Mentre scriviamo il prossimo capitolo della storia della nostra azienda, la nostra missione sarà centrale in ogni azione che decideremo di intraprendere. Siamo lieti di dare il benvenuto a Beth nella famiglia Patagonia per aiutarci a elevare quella missione. Beth ha svolto un ruolo fondamentale in alcune delle sfide ambientali più cruciali di oggi, sia come attivista che come leader. In qualità di environmental action & initiatives director EMEA, sarà determinante nel portare una visione strategica e coinvolgere le nostre comunità in tutto il mondo nella lotta per salvare il nostro pianeta”.

Beth Thoren commenta: “Non è mai stato così vitale per le aziende prendere una posizione definitiva verso l’ambiente. Avendo trascorso gran parte della mia vita a lavorare per un futuro positivo e giusto per le persone e per il nostro pianeta, sono entusiasta di portare la mia esperienza in questa azienda di attivisti, per affrontare insieme i problemi ambientali più cruciali e promuovere soluzioni alla crisi climatica“.