In questo articolo si parla di:

Il 30 ottobre si è svolta, grazie alla piattaforma Zoom, la tredicesima Assemblea Generale della Federazione Internazionale di Skyrunning in diretta dalla sede operativa a Biella.

Raccolti su di uno schermo i 53 volti dei partecipanti, connessi da tutto il mondo, tra i quali 31 erano membri. Dopo l’assemblea, l’ISF è rappresentata in un totale di 45 nazioni, divise tra membri effettivi, membri associati e aspiranti membri.

Silvio Calvi, vice presidente e addetto alle relazioni internazionali, e Marino Giacometti, presidente, hanno presieduto l’assemblea durante la quale è stata affrontata l’attuale situazione legata alla pandemia, che ha causato la cancellazione di tutti gli eventi, compreso il rinvio dei Campionati del Mondo al 2021.

A fronte di tutto ciò è stato proposto e approvato un piano B per la creazione di un circuito continentale, con l’obiettivo di ridurre gli spostamenti intercontinentali. Sono stati inoltre proposti e approvati dei Consigli Continentali per dare voce a ciascun continente che rientra nel Comitato Direttivo.

Il Comitato di Gestione avrà il compito di preparare anche un Piano Strategico sotto la guida del Consiglio di ISF per la prossima AGA. Sono stati inoltre confermati per il 2021 i Campionati Giovanili che si terranno a L’Aquila, in Italia.

Inoltre, vari mandati siano scaduti e siano stati proposti nuovi candidati: il tesoriere dell’ISF Nicolao Lanfranchi (SUI) è stato rieletto e Alexander Keim (ITA) è stato nominato segretario dell’ISF. I posti disponibili nel Comitato direttivo saranno occupati dal 31 gennaio 2021 da Jordi Marimon (ESP), João Paulo Queiros (POR) e Ryan Kerrigan (USA), mentre Neisa Condemaita (BOL) è stata nominata rappresentante degli atleti nel Comitato direttivo – il primo rappresentante del Sud America a bordo.

Si è anche fatto il punto sui recenti sviluppi all’interno dell’UIAA (International Climbing and Mountaineering Federation) di cui ISF è membro dell’unità, con l‘elezione del nuovo presidente, il canadese Peter Muir, e ha sottolineato la collaborazione dell’organismo riconosciuto del Cio come una via da seguire per ISF, insieme ad un’eventuale adesione al GAISF (Global Association of International Sport Association), attualmente in fase di valutazione.

Ma l’Assemblea Generale della Federazione Internazionale di Skyrunning guarda all’immediato futuro approvando una nuova disciplina: “SkySnow” è un’attività invernale che prevede di gareggiare sulla neve con dei piccoli ramponi su percorsi con pendenze significative, come le piste da sci. Già ai Campionati Nazionali FEDME, Jordi Marimon ha proposto il lancio in un noto evento per promuovere la nuova disciplina. Le regole specifiche saranno inserite a breve nel regolamento della ISF.

Per concludere Lauri van Houten, addetto alla comunicazione, ha riportato i risultati dei media e dei social media dell’ISF. I comunicati stampa di quest’ultimo periodo hanno riguardato principalmente le cancellazioni delle competizioni a causa della pandemia, ma sono state anche fissate le nuove gare con l’etichetta di Certified Course in vari paesi.

La pagina Facebook di ISF è stata introdotta solo un anno fa e nonostante la mancanza di eventi, oggi conta un aumento del 27% rispetto al 2019.

Purtroppo a causa della pandemia ancora in corso, il calendario per il 2021 non è ancora del tutto definito.