In questo articolo si parla di:

Una partnership all’insegna della sicurezza quella siglata lo scorso 17 ottobre tra le montagne trentine di Mezzocorona: d’ora in poi tutte le competizioni organizzate dalla FISky  saranno supportate dagli operatori del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico per attività di vigilanza, prevenzione e intervento in caso di incidenti che coinvolgono gli atleti o i partecipanti.

Presenti alla firma per  il CNSAS  il  presidente Maurizio Dellantonio ed  il consigliere nazionale Roberto Bolza,  per  la  FISky   il  presidente onorario Fabio Meraldi,  il  presidente  Giulio Sergio  Roi  ed  il  consigliere nazionale Roberto  Mattioli,  per  il  Comune  di  Mezzocorona il  consigliere  Denny Calovi.

L’accordo, importante per tutti gli appassionati di skyrunning costituisce un tassello importante per la sicurezza degli atleti durante le competizioni sportive.

Abbiamo rivolto qualche domanda al consigliere nazionale FISky Roberto Mattioli per saperne di più:

In che occasione si è svolta la firma tra Fisky e Soccorso Alpino?

“La firma è stata apposta il 17 ottobre a Mezzocorona in concomitanza del raduno della nazionale di skyrunning. noi eravamo presenti  per supportare il tentativo di record di dislivello positivo in 24 h, andato a buon fine, del suo capitano, Daniele Cappelletti (sul percorso che porta al Monte di Mezzocorona, 640 metri di dislivello, ha totalizzato 21720 metri).”

In cosa si concretizzerà questa collaborazione?

“Il Soccorso Alpino è un ente di pronto intervento e di emergenza; prestare assistenza in una competizione sportiva non rientrava dunque nei suoi compiti ma, fin ora, è avvenuto sotto forma di esercitazione.  Da questo momento c’è un’autorizzazione in cui la loro presidenza autorizza l’intervento delle varie sezioni dislocate sul territorio alle varie manifestazioni organizzate della federazione italiana Skyrunning.”