In questo articolo si parla di:
16 Ottobre 2020

La giuria del Premio Stile Alpino ha fatto la sua scelta e in occasione del Lecco Mountain Festival ha comunicato quali sono le imprese realizzate durante l’ultimo anno da scalatori e alpinisti italiani che entrano di diritto nella finale per contendersi il premio.

Il premio è diviso nelle categorie “arrampicata”, per tutte le ascensioni effettuate su roccia, sia in Italia che all’estero, e il premio “alpinistico”, per tutte le ascensioni effettuate su neve, ghiaccio e misto su grandi pareti o in alta quota. La giuria composta da Giuseppe Miotti, Mario Conti, Roberto Chiappa, Andrea Gaddi, Simone Pedeferri e Federico Magni ha selezionato fra una serie di ascensioni che si sono contraddistinte per stile e carattere i finalisti fra i quali verranno scelto i vincitori sabato 17 ottobre, nella sala Camera di Commercio di via Tonale 28 a Lecco.

In collaborazione con la rivista Stile Alpino Magazine – magazine di alpinismo fondato dal gruppo dei Ragni della Grignetta nel 2009 e oggi gestito da Alpine Studio Editore – il Lecco Mountain Festival è ora alla sua seconda edizione ed è proprio all’interno della kermesse che rientra questo importante momento.

Queste le ascensioni finaliste:
Incroyable, nuova via sul Pilastro Rosso del Brouillard – François Cazzanelli, Matteo Della
Bordella, Francesco Ratti, giugno/luglio 2020
Traversata solitaria e invernale delle Tre Cime di Lavaredo – Simon Gietl – dicembre 2019
Ascensione solitaria su Gotica, al Cornetto di Salarno, zona Adamello – Leo Gheza
Bhagirathi IV parete ovest, nuova via – Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo – settembre 2019

Cervino Grandes Murailles, concatenamento invernale per François Cazzanelli e France- sco Ratti, 4 giorni e 40 ore gennaio 2020

Il Dado è tratto, via nuova sull’Aguja Standhart in Patagonia nel febbraio 2020, per Matteo della Bordella e i compianti Matteo Bernasconi e Matteo Pasquetto

Tutti i finalisti saranno presenti alla serata di Premiazione, sabato 17 ottobre, per raccontare la propria ascensione e per mostrare video e immagini.

Al termine della serata verrà assgnato il premio “arrampicata” e il premio “alpinistico”.  In apertura della serata di sabato ci sarà un momento dedicato alla lunga storia dei Ragni con la presentazione del lavoro di Serafino Ripamonti autore del libro “I Ragni di Lecco”, Rizzoli 2020. 74 anni di storia di grandi imprese alpinistiche in giro per il mondo che verranno ripercorsi fra racconti e immagini.