In questo articolo si parla di:

La redazione di Sport Press negli scorsi giorni ha lanciato un sondaggio per sondare le intenzioni di partecipazione alla fiera di Monaco da parte degli operatori del settore outdoor. In particolare aziende e negozi. Dai primi risultati dell’indagine emergono dati interessanti. Il 66,12% dei negozi vorrebbe partecipare a ISPO. Il 33,8%  per un giorno, il 52,8% per due giorni, mentre solo il restante 13% circa per tre o quattro giorni. Il 60% del totale con due persone.

Più articolata la posizione sul fronte aziende. Sul totale di quelle da noi interpellate il 54,9% erano presenti come espositori lo scorso anno. A dominare qui è l’indecisione. Solo il 19,6% ha per ora confermato la partecipazione. Il 15,6% si limiterebbe a visitare la fiera. Il 19,6% ha escluso la sua partecipazione”, mentre il 45% ha risposto di dover ancora prendere una decisione in merito. Ulteriori dettagli e aggiornamenti a riguardo seguiranno in news dedicate nelle prossime settimane e nel numero 9 di Outdoor Magazine.

Il nuovo format proposto dalla fiera – “ISPO Monaco si farà”. Queste le parole del comunicato stampa emanato dagli organizzatori. Anche se, la reale fattibilità non è una certezza e dipenderà dall’evoluzione dell’emergenza Covid, non solamente in Germania ma più in generale nel mondo. La fiera è stata messa in programma dal 31 gennaio al 3 febbraio 2021. La nuova edizione sarà basata su un nuovo concetto ibrido per raggiungere il più vasto pubblico internazionale possibile.

Di persona a Monaco e online in tutto il mondo, quella proposta da ISPO è una formula che vuole segnare la trasformazione sistematica dell’evento in una piattaforma e per farlo mette in campo l’ampia gamma di competenze digitali che ISPO ha acquisito negli ultimi 10 anni.

Gli elementi digitali creeranno la base per integrare diversi target di persone. Mentre i rappresentanti dei mercati europei potranno presenziare fisicamente all’evento, i miglioramenti digitali consentiranno la partecipazione anche a un pubblico intercontinentale. Un’altra novità del prossimo anno sarà l’integrazione digitale dei consumatori finali.

Per partecipare, dunque, ci saranno diverse opzioni che offriranno anche nuovi argomenti e gruppi target e al centro saranno posti temi di creatività e digitalizzazione, salute e sostenibilità. Oltre alle presentazioni dei prodotti nei padiglioni della fiera, l’evento si concentrerà su networking, matchmaking, trasferimento di conoscenze e innovazioni.

Grazie agli stage ibridi integrati, gli iscritti potranno partecipare a presentazioni, conferenze e workshop non solo in loco, ma anche da località in tutto il mondo. Brand, protagonisti e atleti di punta dialogheranno con un pubblico che si estende ben oltre le mura dei padiglioni fieristici. ISPO Monaco includerà anche due formati di conferenza di un giorno: ISPO Digitize Summit (1° febbraio 2021) e la Sports Tech World Series Conference (2 febbraio 2021).

Per la prima volta, i consumatori finali avranno l’opportunità di sperimentare qualcosa che in precedenza era riservato al pubblico B2B: la possibilità di partecipare digitalmente e condurre un dialogo diretto con i brand. Con l’aiuto di presentazioni, workshop e masterclass, i marchi e le aziende avranno l’opportunità di fare presentazioni digitali per gli appassionati di sport e outdoor di tutto il mondo e parlare direttamente a loro. La ISPO Open Innovation Community ha già dimostrato l’efficacia di questo concetto: circa 80.000 consumatori finali contribuiscono con il loro know-how al crowdfunding e alle campagne di ricerca di mercato e forniscono alle aziende informazioni preziose su nuovi prodotti e idee durante tutto l’anno.

Markus Hefter: “Siamo pronti per ISPO Munich 2021 e non vediamo l’ora di avere tante nuove idee. Una cosa è chiara: anche se molti problemi possono essere risolti digitalmente, il desiderio di incontrarsi e interagire di persona è cresciuto notevolmente durante la pandemia di Coronavirus. Siamo davvero felici del forte supporto che abbiamo ricevuto dal settore e forniremo ai nostri clienti una piattaforma sicura”.

Un concetto completo di sicurezza e igiene che Messe München ha elaborato con il governo della Baviera verrà utilizzato durante le attività in loco di ISPO Monaco 2021. La sicurezza degli espositori e dei visitatori avrà la massima priorità.

Gli espositori avranno maggiore flessibilità a seguito dell’estensione dei termini di cancellazione flessibili. Se necessario, possono essere utilizzati stand prefabbricati per partecipare in modo efficiente ed economico alla fiera.

Insomma, Ispo pare aver messo in campo il massimo degli sforzi e della flessibilità per salvaguardare (e salvare) un’edizione nata sotto l’infausta stella di una pandemia globale che aveva già portato alla cancellazione dell’edizione estiva. Basterà?