In questo articolo si parla di:

Altre dieci borse di studio #itsgreatoutthere dal valore di 1.000 euro a sostegno di dieci progetti di giovani di sei diversi Paesi. L’obiettivo è quello di aiutarli a trovare nuovi partecipanti attivi nella vita all’aria aperta, sperimentando attività che comprendono l’arrampicata, il campeggio, il trekking, le gare di avventura, l’orienteering, il canyoning, lo sci e lo snowboard.

It’s Great Out There Coalition sosterrà finanziariamente i progetti e metterà anche i ragazzi vincitori delle borse di studio con organizzazioni esterne che possono offrire un ulteriore supporto attraverso la fornitura di kit e competenze specialistiche.

Questo programma di borse di studio è stato lanciato nel 2017 per sostenere progetti basati sulla comunità che portano i nuovi partecipanti a vivere l’ambiente outdoor.

Qualsiasi organizzazione no-profit può richiedere un sussidio #itsgreatoutthere e dall’inizio del progetto sono ne stati sostenuti 19. Ne hanno beneficiato direttamente quasi 5. 500 persone.

In seguito all’impatto del Covid-19 sul settore no profit, l’organizzazione che è a sua volta sostenuta dall’European Outdoor Group, si è mossa per sostenere un maggior numero di progetti più piccoli che altrimenti avrebbero faticato a partire. Questa macchina si è iniziata a muovere all’inizio dell’estate con l’invio delle domande per queste micro-concessioni che successivamente sono state esaminate e selezionate. Si è arrivato quindi all’assegnazione delle borse di studio a dieci progetti provenienti da Germania, Spagna, Svezia, Francia, Serbia e Regno Unito.

Margo de Lange, responsabile della politica presso il gruppo di It’s Great Out There, commenta: “Nel mese di luglio, abbiamo collaborato con l’European Outdoor Group per lanciare un invito urgente a progetti per aiutare l’Europa a riprendere l’attività all’aperto dopo il lockdown. Ciò è avvenuto grazie alla nostra ricerca che ha dimostrato chiaramente quanto i cittadini abbiano acquisito un maggiore apprezzamento degli spazi aperti e un maggiore desiderio di esplorare il mondo naturale una volta abolite le restrizioni. Adattando il nostro programma di borse di studio, siamo stati in grado di offrire sostegno a più progetti che altrimenti sarebbero stati difficili da realizzare nelle attuali circostanze. La risposta è stata eccezionale. Abbiamo ricevuto alcune proposte sorprendenti da tutta Europa e i microfinanziamenti che abbiamo concesso avranno un impatto profondamente positivo per coloro che ne trarranno beneficio. Soprattutto i giovani, molti dei quali sperimenteranno per la prima volta le colline e le montagne”.

Dal lancio del programma nel 2017, molti di quelli che oggi sono i membri del team di lavoro sono stati in passato i beneficiari delle borse di studio. E oggi lavorano con lo staff di It’s Great Out There per trovare progetti adatti che rispondano all’obiettivo generale della campagna #itsgreatoutthere, volto a rendere l’Europa più attiva all’esterno.