In questo articolo si parla di:
10 Luglio 2020

Risale allo scorso anno la partnership tra Roger Federer e il marchio On che annunciava il coinvolgimento del campione nello sviluppo di nuovi prodotti. E a distanza di qualche mese vengono presentati i primi risultati: la Serie-0 della THE ROGER Centre Court è la prima sneaker ispirata al tennis pensata per il quotidiano.

Sviluppata in Svizzera, ha visto il pre-lancio in un’edizione ultralimitata, lo scorso 6 luglio a 17 anni esatti da quando il campione ha vinto il primo titolo di Wimbledon. La presentazione è avvenuta durante una trasmissione interattiva in diretta con una partnership esclusiva con Google e il format ha rispecchiato quello della prima vittoria di Roger.

“Ricordo che parecchi anni fa ero rimasto colpito dal design minimalista del comfort disinvolto delle scarpe On. Volevo concentrare la stessa leggerezza, lo stesso comfort e la stessa agilità in una nuova sneaker ispirata al tennis da indossare tutti i giorni”, afferma il campione.

Ciascuna calzatura combina l’estetica con il comfort leggero di CloudTec ed è dotata di una Speedboard nascosta che garantisce altissime prestazioni. THE ROGER Centre Court dispone anche di una struttura ultramorbida “a calzino” e introduce una schiuma ultra leggera di ultima generazione nella suola.

Ogni paio di scarpe di questa serie è numerato singolarmente ed è etico. “Ci piace esplorare e vogliamo proteggere l’incredibile bellezza naturale che ci circonda. Ecco perché questa nuova sneaker ispirata al tennis è stata creata in modo sostenibile”.

“Lavorare insieme ai ragazzi di On è divertente. Conosco il mondo delle scarpe ad alta performance e nutro un interesse personale per la moda. Qui metto a frutto le due cose per contribuire allo sviluppo di nuovi prodotti”, conclude.

La società svizzera inoltre punta a una quotazione in Borsa dal valore di circa 2 miliardi di franchi. Lo ha riportato l’agenzia Bloomberg: fondata nel 2010 a Zurigo, On il prossimo anno punta a sbarcare sul listino. Quest’azione permetterebbe dunque di finanziare ulteriori piani di espansione.