In questo articolo si parla di:
12 Marzo 2020

Lo scorso weekend è andata in scena la ventunesima edizione della Transgrancanaria HG: 3.500 partecipanti, di cui un quarto donne, come evidenziato l’organizzazione, provenienti da oltre 60 paesi.  La distanza classica di 128 chilometri e 7.500 m di dislivello positivo è partita da Las Palmas a Gran Canaria. Al femminile la vittoria è andata alla statunitense Kaytlyn Gerbin giunta al traguardo in 15:14:39 e al maschile alla coppia Pau Capell e Pablo Villa che hanno tagliato la finish line mano nella mano in 13:04:10.

I due atleti, del team The North Face e Adidas Terrex, hanno concordato l’ingresso comune dopo essersi continuamente scambiati le loro posizioni dal 40esimo chilometro. “Siamo stati benissimo, perché ci siamo tirati l’un l’altro per poco più di 13 ore“, ha spiegato Capell.

Quest’ultimo è divenuto da qualche tempo ambassador anche del brand BV Sport, brand francese produttore di abbigliamento a compressione selettiva per lo sport di cui detiene il brevetto. Concepita sull’utilizzo di maglie a rigidità ed elasticità variabile, questa compressione permette di ottimizzare la biomeccanica muscolare in movimento, migliora il ritorno venoso, riduce le vibrazioni e le oscillazioni nocive, diminuisce il rischio di affaticamento muscolare e prepara l’atleta a un recupero post sport ottimale. Per l’occasione Pau Capell ha indossato pantaloni CSX, Booster Elite Evo2, il gambale prodotto faro dell’azienda e manicotti, capi realizzati secondo le logiche della compressione selettiva.

Il Booster Élite Evo 2 nello specifico è il risultato di test e collaborazioni con sportivi di alto livello. Questa nuova generazione di gambali rappresenta l’apice della compressione selettiva. È caratterizzato dalla tecnologia “shockwave effect”, una maglia “di rottura” delle vibrazioni grazie alla quale si ottiene una riduzione di oscillazioni e vibrazioni muscolari prodotte dall’onda d’urto che si crea nel momento dell’impatto dei piedi al suolo evitando lesioni e danni muscolari. Si tratta di maglie con una pressione minima inserite a livello del polpaccio che favoriscono l’ammortiz- zamento. Inoltre il Booster Élite Evo2 dispone di maglie Socket 3D, una lavorazione a nido d’ape che supporta il tendine di Achille (ri- ducendone le infiammazioni) andando a disperdere le vibrazioni e le oscillazioni. A queste si aggiunge la “TAP Control”, una maglia di composizione “semi-rigida” che ruota intorno alla gamba in soste- gno del tibiale anteriore e del tricipite surale con lo scopo di ridurre eventuali tendiniti e diminuire lo stress causato dal movimento ripetitivo.