In questo articolo si parla di:
6 Febbraio 2020

Anche il mondo dell’arrampicata si è trovato coinvolto dal diffondersi del Coronavirus, a tal punto che l’IFSC (International Federation of Sport Climbing) ha espresso i propri dubbi circa la possibilità che si tengano le gare di Coppa del Mondo di Arrampicata, previste in Cina nel mese di aprile.

Gli appuntamenti in questione sono la Coppa del Mondo Boulder in programma a Wujiang il 18 e 19 aprile e la Coppa del Mondo Speed a Chongqing, in programma il 22 aprile 2020, che – stando al comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Federazione – potrebbero essere posticipate, spostate in un’altra località o addirittura annullate. Non sarebbero esenti nemmeno i Campionati asiatici di arrampicata sportiva (25 aprile – 3 maggio 2020), ultima chiamata per gli atleti asiatici che sperano di ottenere il pass olimpico per Tokyo 2020.

Questa eventualità farebbe seguito alle recenti posticipazioni della Gaoligong, gara del circuito UTMB (prevista inizialmente per il 21 – 23 marzo) e della sfida di Yanqing della Coppa del mondo di sci alpino, che era in agenda nei giorni 15 e 16 febbraio.

Marco Solaris, presidente dell’IFSC, ha dichiarato: “Prima di tutto, vorremmo inviare i nostri migliori auguri alle persone colpite dal coronavirus e a coloro che soffrono direttamente o indirettamente a causa di questa epidemia. Allo stesso tempo, la salute dei nostri atleti e di tutte le persone che lavorano per la nostra federazione è la nostra principale preoccupazione. Sappiamo tutti che abbiamo un obbligo con il Comitato Olimpico Internazionale e il nostro Consiglio asiatico. Faremo in modo che il sistema di qualificazione dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 sia rispettato. Ma eviteremo anche qualsiasi rischio per la salute di chiunque”.

La IFSC, che ha deciso di inviare alla Chinese Mountaineering Association (CMA) 10.000 mascherine di protezione per esprimere vicinanza alla popolazione cinese, sta monitorando insieme alla CMA la situazione nel Paese grazie ai report forniti dalla World Health Organization. Ulteriori azioni da intraprendere saranno definite nel corso della teleconferenza dell’IFSC Executive Board in programma per l’11 febbraio.