In questo articolo si parla di:
3 Febbraio 2020

Ispo 2020, la kermesse bavarese che attrae ogni anno visitatori da tutto il mondo, ha fornito anche in  questa edizione spunti interessanti sia per quanto concerne i trend che scandiranno i mesi e gli anni a venire, sia per i numeri finali. Partiamo dai numeri che sono, forse, la sorpresa più inaspettata: la percentuale di visitatori provenienti dall’estero è salita rispetto allo scorso anno di un punto percentuale e gli italiani si piazzano in seconda posizione.

Circa 80.000 visitatori provenienti da 120 Paesi si sono recati a ISPO per trarre ispirazione dalle ultime innovazioni e dai prodotti sportivi che sono stati esposti nei 18 padiglioni della fiera di Monaco di Baviera. I Paesi con il maggior numero di visitatori sono stati, nell’ordine: Germania, Italia, Austria, Francia, Svizzera, Gran Bretagna e Federazione Russa. La percentuale di visitatori provenienti dall’estero, come dicevamo,  è salita al 70 per cento (2019: 69 per cento). C’è stato un aumento di visitatori provenienti da Francia, Giappone, Corea del Sud e Nuova Zelanda. Secondo un sondaggio condotto dalla società di ricerche di mercato Gelszus Messe-Marktforschung tra i visitatori, il 45 percento degli intervistati ritiene che l’ISPO di Monaco continuerà a svolgere un ruolo sempre più importante. Alla fiera hanno partecipato 2.850 espositori (2019: 2.926).

I due trend principali emersi durante la prestigiosa fiera internazionale, invece, sono:

  • Lo sport diventa sinonimo di salute – appare ormai ovvio como la salute sarà uno dei megatrend del prossimo decennio. L’industria dello sport è, dal canto suo, uno dei motori della crescita, anche perché la società oggi considera il fitness come sinonimo di salute. In futuro, l’atletismo avrà un’influenza sempre maggiore sulla nostra vita quotidiana. Per “idoneità medica” si intende la garanzia di uno stile di vita sportivo e di un’assistenza medica adeguata alle esigenze individuali. Anche gli sport invernali sono destinati ad assumere in futuro un ruolo impegnativo ma importante come veicolo per l’insegnamento dei valori all’interno della società.
  • L’industria sportiva in subbuglio: dalla potenza delle alghe all’economia circolare – i megatrend dei prossimi 10-15 anni comprenderanno la neo-ecologia, la digitalizzazione e la mobilità. Questi sviluppi globali continueranno a dar luogo a tendenze socio-culturali e, a loro volta, a tendenze di consumo. Nell’ambito della neo-ecologia, una mega-tendenza che sta influenzando l’intera società, l’industria tessile in particolare sta esplorando nuove strade e proponendo tecnologie impressionanti, innovative e intelligenti che stanno garantendo che l’abbigliamento outdoor sia altamente funzionale ma anche ecologicamente sostenibile. Inoltre, stanno dando impulso all’intero settore, che sta registrando un numero crescente di sviluppi positivi anche nel segmento della ferramenta.

Vi rimandiamo ai numeri in uscita di Outdoor & Snowbusiness Magazine per un report completo della fiera in tutti i suoi dettagli. Con trend, novità, Awards e un bilancio della fiera da parte da parte di molti dei protagonisti e della nostra redazione.