In questo articolo si parla di:
16 Dicembre 2019

Green Media Lab, media relation & digital company specializzata in attività di comunicazione e consulenza strategica, si unisce alle 500 aziende certificate B Corp in tutto il mondo e si impegna a diventare carbon neutral entro il 2030.

Daniele De Negri, fondatore e ceo di Green Media Lab, ha dichiarato: “Fin dalla nostra nascita, nel 2012, abbiamo sempre creduto che le nostre azioni abbiano un impatto sul pianeta, motivo per il quale abbiamo deciso di implementare un percorso per diventare una tra le prime aziende specializzate in comunicazione e consulenza strategica in Europa ufficialmente certificata come B Corp. L’impegno che abbiamo sottoscritto insieme alle altre B Corporation in occasione della COP25 a Madrid dimostra che siamo sulla strada giusta e che non è più possibile ignorare l’emergenza climatica”.

Un traguardo che porta l’azienda milanese ad affiancarsi, ancora una volta, a noti brand italiani e internazionali come Patagonia, The Body Shop, Save The Duck, Davines e Ambienta Sgr in quanto parte della community di realtà certificate B Corp: aziende che soddisfano i più alti standard di performance verificati in termini sociali e ambientali, di trasparenza e responsabilità legale. L’impegno per una significativa riduzione delle emissioni di carbonio che porti a un futuro fatto di emissioni nette pari a zero entro il 2030 fa sì che questa climate action sia la più rapida iniziativa mai intrapresa da un numero così ampio di imprese a livello mondiale.

La dichiarazione ufficiale da parte delle B Corporation è stata presentata durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP25, che si è tenuta a Madrid la scorsa settimana. In questa occasione, un gran numero di aziende si è impegnato pubblicamente per accelerare la riduzione delle emissioni di gas serra e contenere l’aumento medio delle temperature globali al di sotto della soglia degli 1,5 gradi. L’obiettivo comune è quello di raggiungere la carbon neutrality entro il 2030, 20 anni prima rispetto a quanto stabilito dagli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi per il 2050.