In questo articolo si parla di:

Sono state più di 5.000 le persone che hanno partecipato alla seconda edizione del festival Orme, che si è svolto sui sentieri di Fai della Paganella e che ha visto Aku come principale sponsor.

Tantissimi coloro che hanno voluto provare l’esperienza di camminare  nel bosco in notturna per assistere all’installazione del sound artist Federico Ortica con la collaborazione al Video mapping di Andrea Marchi: un’esplosione di luci tra le foglie e le cortecce dei faggi e l’emozione unica di ascoltare la musica naturale del bosco, amplificata dalla cassa di risonanza degli alberi. Un evento così suggestivo da essere replicato a sorpresa anche la sera di sabato, al termine del concerto di Angelo Branduardi.

Tutto esaurito anche per il sentiero dei sapori, con un menu tra tradizione e innovazione nato dalla sinergia tra lo chef stellato Walter Valerio dello Sport Hotel Panorama di Fai e un gruppo di persone del paese che hanno portato i gusti tradizionali locali.

Centinaia di bambini (e adulti) hanno poi camminato nel bosco alla scoperta degli orsi e alla ricerca delle “anguane” (le streghe del bosco) per il sentiero delle fiabe, insieme alla compagnia dei Cambiscena. Pienone anche per lo Shakespeare nel bosco, lo spettacolo di improvvisazione dei Quinta di copertina all’Arena delle Stelle, un vero e proprio teatro a cielo aperto.

La scoperta dei prati e dei boschi di Fai è continuata con Valeria Mosca: chef-forager e direttrice di Wood*ing wild food lab, che ha accompagnato un nutrito gruppo di persone lungo un sentiero alla ricerca del cibo selvatico.Successo anche per i due sentieri dell’alba e per il workshop fotografico con il fotografo naturalistico Andrea Zampatti: dopo la notte al Rifugio Dosso Larici, il gruppo di camminatori ha esplorato la natura alla ricerca della natura più selvaggia. Chiusura dei sentieri sabato pomeriggio con il racconto di Yanez Borella e Giacomo Meneghello che con immagini e aneddoti hanno fatto conoscere la via della seta attraverso l’impresa che hanno compiuto in 100 giorni, da Fai della Paganella alla Cina con la loro e-bike.

L’evento si è concluso anche quest’anno con la Desmontagada: le mucche decorate da bellissime corone di fiori sono scese in piazza accompagnate dall’entusiasmo di tutto il paese, che ha salutato l’estate e i tanti ospiti del festival con il concerto dei Die Esel’n.