In questo articolo si parla di:

Sono stati resi noti i finalisti del Premio Stile Alpino, che verrà assegnato nel corso del Lecco Mountain Festival, in programma dal 10 al 13 ottobre. L’iniziativa, lanciata dall’evento – di cui la nostra rivista è media partner – in collaborazione con la rivista Stile Alpino Magazine, vuole onorare la migliore ascensione dell’anno effettuata da scalatori italiani.

Due le categorie presenti: premio Rock, per tutte le ascensioni effettuate su roccia, sia in Italia che all’estero da parte di arrampicatori italiani, e premio Alpinistico, per tutte le ascensioni effettuate su neve, ghiaccio e misto su grandi pareti. La giuria – composta da Alessandro Gogna, Giuseppe Miotti, Marco Furlani, Mario Conti, Roberto Chiappa e Federico Magni – ha scelto fra una serie di oltre cinquanta ascensioni che si sono contraddistinte per stile e performance. La premiazione avrà luogo la sera del 12 ottobre alle ore 21.00 in Sala Ticozzi (via Ongania 4, Lecco).

Le salite finaliste scelte per il premio Rock:

  • Nuova via sulla parete nord del Sassolungo per opera della cordata di altoatesini: Aaron Moroder, Titus Prinoth e Matteo Vinatzer (luglio 2019)
  • Nuova via aperta in solitaria sulla Cima Scotoni da parte dell’altoatesino Simon Gietl (giugno 2018)
  • Nuova via alla parete Nord-Ovest della Punta Civetta (Davide Cassol e Luca Vallata, estate 2019)

Le salite finaliste per il premio Alpinistico:

  • Prima salita del Black Tooth, Pakistan compiuta da Simon Messner e Martin Sieberer (luglio 2019)
  • Cerro Mangiafuoco, nuova via su cima inviolata ad opera dei Ragni Luca Schiera e Paolo Marazzi (gennaio 2019)
  • Nuova via invernale in Civetta (Alessandro Baù, Daniele Geremia e Giovanni Zaccaria, marzo 2019)

La giuria, dopo la presentazione dei protagonisti e delle relative ascensioni assieme al conduttore Lorenzo Carpané, conferirà i due premi ai vincitori di entrambe le sezioni. A premiare i vincitori sarà l’ambassador dell’edizione 2019 del Lecco Mountain Festival, Manolo, che aprirà la serata parlando degli anni d’oro dell’arrampicata italiana.