In questo articolo si parla di:

Denis Urubko, che dallo scorso gennaio fa parte del team Kayland, si è già dimostrato capace di mettere alla prova lo scarpone da spedizioni 8001, nato dalla collaborazione tra l’atleta – uno dei più grandi alpinisti contemporanei – e il brand. Una calzatura da alpinismo su misura che costituisce un mix potente di tecnologie, come la suola Vibram Teton e l’intersuola Smart PU.

“Credo che il mio stile di vita e il mio modo di affrontare l’alpinismo siano stati gli elementi più attrattivi per convincere Kayland a scegliermi. Sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. Non riposo mai. Poi, penso che a loro piaccia il modo in cui approccio le montagne: per me non è solo camminare, correre, competere, salire. Per me, l’alpinismo è una danza artistica” – Denis Urubko

Nell’estate del 2019 Denis e la sua compagna María José Cardell, detta Pipi, anch’essa alpinista di livello internazionale, hanno intrapreso una spedizione nel Karakorum, con l’obiettivo di aprire una nuova via in stile alpino sul Gasherbrum II, 8.035 m. Si tratta di una delle montagne più interessanti della corona dell’Himalaya, una catena di 8.000 metri. Completare l’idea di un’ascesa artistica è il sogno di molte generazioni di alpinisti, ma è stata aperta solo una decina di vie nella storia dell’esplorazione d’alta quota.

Ecco le tappe più significative dell’estate:

  • Il 18 luglio Denis e Maria partono per salire il GII sulla via normale per acclimatarsi. Durante il trekking di avvicinamento Maria fa una brutta caduta con conseguenze serie per la schiena, ma nonostante il dolore rimane stoicamente al campo base per supportare il suo compagno, che decide di proseguire e salire in solitaria.
  • Il 20 luglio l’alpinista Francesco Cassardo precipita durante la salita al Gasherbrum VII, rimanendo bloccato per 2 giorni a 6.300 metri. Il suo compagno di cordata, l’alpinista Cala Cimenti, lo assiste e si mobilita per organizzare i soccorsi, grazie ad altri alpinisti in zona tra cui Marco Confortola che danno il massimo supporto. Dato che l’elicottero tarda, si muovono via terra altri quattro alpinisti, tra cui Denis Urubko e il suo compagno Don Bowie, appena rientrati dal Gasherbrum II. Il gruppo costruisce una slitta per trasportare Cassardo fino al campo base, dove poi arriva l’elicottero per trasportarlo in ospedale.
  • Finalmente Denis è pronto per concentrarsi sulle sue sfide personali: il 31 luglio, due giorni dopo aver compiuto 46 anni, Denis parte dal campo base avanzato e passa 24 ore in condizioni estremamente difficili, arrampicando su sezioni ghiacciate, bastioni rocciosi, altipiani coperti di neve alta fino a giungere alla sommità del triangolo roccioso. Grazie agli anni di preparazione e allenamento intensivo, alla sua forza e anche a un pizzico di fortuna, raggiunge la vetta del Gasherbrum II nella tarda sera del primo agosto, aprendo la nuova via che chiama Honeymoon in omaggio alla sua storia matrimoniale con Pipi Cardell. Questa straordinaria ascesa avviene in solitaria e senza ossigeno, in puro stile alpino.

Di recente Denis ha svelato i suoi piani a breve termine: la salita invernale del Broad Peak e del K2. Ovviamente con il supporto dei prodotti firmati Kayland.